Brigade Elettronica ed Aviogei: la sicurezza prende il volo

AVIOGEI
Aviogei da circa 50 anni, disegna, costruisce e vende attrezzature aeroportuali. La compagnia opera a livello internazionale, commercializzando la propria ampia gamma in ben 95 Paesi.
Una proposta articolata, che conta 120 tipologie di prodotti: dalle scale passeggeri ai veicoli per l’acqua potabile, dai mezzi di scarico toilette ai cargo loader, e, ancora, dai transporter ai mezzi per l’assistenza ai disabili, senza dimenticare i nastri carico/scarico bagagli. Un’offerta importante, rivolta sia al mercato civile, sia al comparto militare, con mezzi specifici.
Aviogei ha costruito il proprio successo guardando oltre, per essere sempre un passo avanti. Un approccio rivolto all’innovazione, con la qualità riconosciuta del made in Italy.

COLLABORAZIONE CON BRIGADE ELETTRONICA
In questo spirito pioneristico e di valore, rientra la collaborazione con Brigade Elettronica, leader in dispositivi per la sicurezza veicolare.

In particolare, Aviogei ha deciso di installare Backeye®360 di Brigade Elettronica sul nuovo ambulift con cabina di guida integrata, che serve ogni tipo di aeromobile con un solo operatore, presentato lo scorso ottobre a Monaco durante Inter Airport Europe, l’Esposizione Internazionale dedicata alle Attrezzature, alla Tecnologia, al Design ed ai Servizi Aeroportuali.

L’ultimo nato in casa Aviogei si basa su un sistema brevettato per i mezzi in assistenza PMR (persone mobilità ridotta), con un plus davvero unico: si tratta di un ambulift elettrico. Non solo: Backeye®360 lo rende ancora più sicuro, soprattutto per manovre in spazi stretti ed in presenza di altri veicoli. Il dispositivo di Brigade Elettronica azzera, infatti, gli angoli ciechi, grazie ad un software intelligente studiato da Brigade. Tale software elimina istantaneamente le distorsioni fisheye e, in contemporanea, bilancia le differenti luminosità delle varie inquadrature, riunendo in tempo reale la ripresa di quattro telecamere montate intorno al veicolo in un’unica immagine, riprodotta nel monitor in cabina. Ne deriva una visione dall’alto a 360 gradi, che annulla qualsiasi zona d’ombra, consentendo all’operatore di muoversi in tranquillità.

Per una sicurezza totale, Aviogei ha montato una quinta telecamera, sempre Brigade, anteriore, per visionare perfettamente anche l’area sottostante l’attrezzatura.
Un equipaggiamento completo, appositamente sviluppato da Aviogei e Brigade, che hanno collaborato per ottenere la soluzione migliore e più adatta alle reali esigenze.

A tal proposito, è al vaglio l’integrazione di Backeye®360 con MDR, il sistema Brigade di videoregistrazione digitale mobile che archivia su hard drive fino a 1164 ore di riprese, che possono diventare testimonianze attendibili e prove inconfutabili in caso di richieste false di risarcimento, sinistri fraudolenti ed atti di vandalismo. O, semplicemente, servire per monitorare le attività del mezzo.

L’Ambulift esposto a Monaco ha suscitato vivo interesse e riscosso un consenso unanime; sia perché il mercato dell’elettrico è di grande attualità, grazie ad una crescente e diffusa sensibilità green, sia perché Backeye®360 è stato ampiamente apprezzato, tanto da essere inserito da Aviogei tra gli optional di serie ed essere ora richiesto praticamente su ogni nuovo thunderlift.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.