DKV EURO SERVICE, GLI SPECIALISTI DEI PEDAGGI

DKV_Maut_Moodbild_2_300dpi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ad oggi oltre 120.000 aziende operanti nel settore della logistica e dei trasporti si affidano a DKV Euro Service per i pagamenti, attraverso l’utilizzo di 2.5 milioni di carte carburante e on-board units. Questo fa di DKV – azienda storica del settore, con i suoi 80 anni di attività e oltre 30 di esperienza nei pedaggi – uno tra i maggiori e più importanti fornitori di servizi per il pagamento pedaggi a livello europeo.

Dal Belgio alla Russia, dalla Norvegia alla Spagna: ovunque siano applicati pedaggi o imposte chilometriche, DKV Euro Service ne gestisce i pagamenti. Il tradizionale sistema di fatturazione e pagamento pedaggi in realtà include innumerevoli servizi – a partire dal recupero IVA, fino al portale DKV COCKPIT per i Clienti, un comodo strumento di gestione online in cui è anche possibile monitorare i dati relative alle proprie carte.

Ad oggi, circa 30 pedaggi europei ed altri sistemi di imposta possono essere pagati con la DKV Card, DKV BOX e vari altri box di terze parti. Indipendentemente dal numero di sistemi di pagamento DKV utilizzati, il Cliente riceve un’unica fattura, chiara e dettagliata.

 Livello di Servizio in base all’operatore di pedaggi

“La natura dei servizi che derivano da una carta o una on-board unit dipende dal Sistema di pedaggio in questione e dal suo operatore”, afferma Marco Berardelli, country manager DKV Italia. Nel caso del sistema di pedaggio belga, introdotto quest’anno, DKV offre una “Registrazione Premium” che contiene l’intero programma, inclusa la registrazione per il sistema usato dall’operatore, l’ordine e la spedizione dei box, il pagamento dei servizi interessati. E in Russia, dove lo scorso 15 novembre è stata introdotta un’imposta autostradale per i mezzi oltre le 12 tonnellate, gli autisti possono presentare le proprie tratte a pedaggio in loco presso il terminal pedaggi e pagare con la propria DKV Card, accettata senza necessità di alcuna registrazione presso 90 terminal pedaggi.

_86_3678_neuPre-pay e Post-pay

Le opzioni di pagamento si distinguono in Pre-pay e Post-pay. Il pagamento con carta carburante generalmente implica la modalità post-pay, in questo modo il Cliente paga dopo aver completato il viaggio. “Il vantaggio principale per il Cliente che utilizza il post-pay è l’istantaneo e automatico aumento di liquidità”, afferma Marco Berardelli. Inoltre, parecchi operatori garantiscono sconti addizionali per pagamenti con box e on-board unit. In Italia, per esempio, i trasportatori che aderiscono al Consorzio DKV Euro Service beneficiano automaticamente degli sconti massimi sui pedaggi autostradali italiani e sui trafori del Frejus e del Monte Bianco, con conseguente vantaggio sulla propria liquidità. Altri vantaggi sono in arrivo per chi utilizza DKV BOX, accettato in Francia (sistema di pedaggi TIS PL e parcheggi truck custoditi), Spagna (sistema pedaggi VIA-T e parcheggi truck custoditi), Portogallo (sistema pedaggi VIA Verde e Scut), Belgio (Tunnel Liefkenshoek), Germania (Warnow Crossing e Herrentunnel). DKV BOX è progettato per includere la possibilità di estensione ad altri sistemi di pedaggio.

 In Slovenia con il post-pay

DKV Euro Service offre ai propri Clienti un nuovo sistema di pagamento post-pay anche per il pedaggio in Slovenia per tutti i veicoli oltre le 3.5 tonnellate, in aggiunta all’attuale metodo pre-pay. Questo significa che gli autisti non dovranno più scendere dalla cabina del mezzo per caricare la propria on-board unit (OBU). Il metodo post-pay può essere utilizzato sia con le OBU sia con la carta DARS emessa dall’operatore del pedaggio DARS. Gli utenti che utilizzano il pre-pay con la OBU possono passare al metodo post-pay direttamente sul posto, presentando la propria OBU a la DKV Card in qualsiasi stazione di pedaggio DARS o presso il Centro Servizi Clienti a Ljubljana, in Slovenia. E se l’utente dispone di eventuali crediti con il metodo pre-pay, questi vengono automaticamente trasferiti al metodo post-pay. Al momento l’operatore non prevede di emettere nuove OBU, in alternativa all’on-board unit l’utente può pagare il pedaggio con metodo post-pay utilizzando la carta DARS. Questa carta elettronica può essere acquistata presso qualsiasi casello oppure ordinata direttamente sul sito dell’operatore DARS. Le carte DARS già sul mercato possono essere convertite dal sistema pre-pay al sistema post-pay presentando la DKV Card presso le stazioni di pedaggio DARS.

In preparazione un Toll box europeo unico

Nonostante ad oggi non esista una OBU utilizzabile in tutta Europa, esiste però un DKV BOX, che può già essere utilizzato in paesi diversi. In collaborazione con AGES Maut System, DKV ha lavorato a lungo a una soluzione per uniformare i sistemi di pagamento pedaggi in Europa sotto il nome di EETS (European Electronic Toll Service). Nonostante ciò, a livello tecnico, commerciale, contrattuale e legale purtroppo non esistono ancora le condizioni per armonizzare le diverse situazioni esistenti.

Regional European Electronic Toll Service (REETS); un’alternativa a livello regionale

Con l’obiettivo di arrivare ad una OBU unica, tra il 2013 e ottobre 2015 è stato condotto un progetto pilota in collaborazione con l’Unione Europea. Scopo del progetto REETS, in cui DKV è stata coinvolta sin da subito, è stato quello di attuare i servizi EETS all’interno di un’area sovranazionale comprendente Germania, Austria, Francia, Spagna, Italia, Danimarca, Polonia e Svizzera. Tutte le parti coinvolte hanno condotto test pratici e concordato soluzioni tecniche comuni. Si sono inoltre introdotti contratti quadro e la creazione di una piattaforma informativa. Questi risultati sono stati rivelati durante il REETS Final Day ad una platea molto interessata al progetto, costituita da numerosi partner europei (Stati Membri, operatori pedaggi, fornitori di servizi). “Siamo sicuri che il progetto possa rappresentare un segnale forte per l’intero processo EETS”, afferma Marco Berardelli.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here