Per l’Ups un terzo trimestre da incorniciare

 

Un trimestre da ricordare, con aumenti su tutti i fronti: dall’utile diluito per azione (+5,3%) all’utile operativo del segmento (oltre il 10), passando per i ricavi (1,8) e le spedizioni (1,9).
Sono numeri positivi quelli di UPS nel terzo trimestre del 2015, caratterizzato anche dall’acquisizione di Coyote Logistics, società “asset-light” di intermediazione nel settore dell’autostrasporto, che, nelle previsioni, dovrebbe generare sinergie per oltre 100 milioni di dollari. “Nonostante le differenti condizioni economiche, i risultati del terzo trimestre confermano un significativo progresso nell’ambito delle iniziative di lungo termine – ha sottolineato David Abney, Chief Executive Officer di UPS – Continuiamo a seguire queste strategie volte a sostenere i clienti ed incrementare il valore per gli azionisti”.

 Nei primi nove mesi dell’anno, Ups ha prodotto un free cash flow di 4,6 miliardi di dollari, distribuendo dividendi per 1,9 miliardi di dollari con un incremento del 9% per azione rispetto all’esercizio precedente e riacquistando 20 milioni di azioni per circa 2 miliardi di dollari.

 E se i ricavi del segmento Pacchi Stati Uniti ammontano a 8,9 miliardi di dollari (con un segno più dell’1,9%), da quello dei Pacchi Internazionale sono giunte le indicazioni migliori: utile operativo cresciuto del 10% raggiungendo quota 507 milioni di dollari, con un incremento del 17,1% del margine operativo. Bene anche il Segmento Supply Chain & Freight con i ricavi  leggermente aumentati attestandosi a 2,4 miliardi di dollari. E il futuro? “Grazie all’eccellente esecuzione delle strategie aziendali delle nostre business unit, stiamo ottenendo un andamento positivo – ha rimarcato Richard Peretz, Chief Financial Officer di UPS  – Sulla base di questi dati riteniamo di poter raggiungere la fascia più elevata della guidance relativa all’utile per azione per l’intero esercizio”. La guidance della società relativa all’utile diluito per azione per l’intero esercizio 2015 è di 5,05-5,30 dollari, pari ad un aumento del 6-12% rispetto ai risultati rettificati 2014.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here