Tutelare i dati sensibili? Si può con la certificazione di alti standard di sicurezza

IMQ, che offre una visione d’insieme sulla sicurezza ICT, sottolinea l’importanza di un’azione aziendale coerente e globale.

Il progressivo e costante diffondersi dell’Internet of Things ha cambiato il concetto di sicurezza informatica aumentando esponenzialmente la superficie virtuale esposta agli attacchi e generando nuove sfide per la cyber security. IMQ, ente italiano nel settore della valutazione di conformità, è in grado di garantire una visione d’insieme delle problematiche di qualità e sicurezza ICT.

Cosa si può fare per migliorare

Uno strumento utile per migliorare la cyber security è rappresentato dalle numerose certificazioni disponibili per il settore IT.“L’elemento più importante è un’azione strategica coerente e globale, in grado di coinvolgere l’azienda a tutti i livelli e in tutti i reparti,” afferma Flavio Ornago, direttore Business Unit Sistemi di Gestione di IMQ.

La certificazione di standard elevati di sicurezza informatica, per un’azienda, non rappresenta soltanto una tutela per i propri dati riservati, sensibili o critici per il proprio business, ma una garanzia offerta ai propri utenti/clienti di preservare al meglio la riservatezza di ogni dato raccolto.

Le principali certificazioni disponibili

  • Business continuity: serve per proteggere la propria organizzazione garantendo la capacità di reagire agli incidenti, rispondere alle emergenze e alle calamità, aver valutato in modo adeguato tutte le minacce e sviluppato un piano d’emergenza.
  • EIDAS. Per migliorare la fiducia delle Pmi e dei consumatori, la pubblicazione del Regolamento UE 910/2014 “eIDAS” (Electronic IDentification Authentication and Signature)rappresenta la base normativa comune per interazioni elettroniche sicure fra cittadini, imprese e pubbliche amministrazioni.
  • Conservazione digitale a norma: le esigenze della PA di conservazione a norma dei documenti informatici si estenderanno a nuovi ambiti di applicazione, in quanto la normativa vigente prevede che entro tempi brevissimi la PA formi i propri documenti solo in digitale.
  • SPID: SPID è il “Sistema Pubblico per la gestione dell’Identità Digitale”, strumento predisposto in conformità al Regolamento eIDAS. Si tratta di un sistema aperto attraverso il quale soggetti pubblici e privati – previo accreditamento da parte di AGID – possono offrire servizi di identificazione elettronica a cittadini e imprese.
  • VA-PT: si tratta di attività eseguite al fine di valutare la sicurezza di un’infrastruttura IT fornendo un’indicazione dell’impatto sul business e opportuni suggerimenti relativi al piano di rientro, secondo i principali standard e best practice.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here