Il convegno annuale di Brivio&Viganò, il terzo consecutivo organizzato dall’azienda, è stato l’occasione per proporre un interessante excursus sul tema dell’innovazione e delle applicazioni tecnologiche che nei prossimi anni influenzeranno il settore della logistica.

Diversi i relatori intervenuti, provenienti dai più prestigiosi ambiti accademici quali il Politecnico di Milano e l’Università di Bologna affiancati da realtà esperte in materia di trasporto come Fit Consulting Srl e Mercedes-Benz.

Damiano Frosi, Direttore dell’Osservatorio Contract Logistics“Gino Marchet” del Politecnico di Milano, ha confermato come il settore della Contract Logistics sia in salute – con tanti numeri positivi – ma caratterizzato da importanti variabili che vanno analizzate con attenzione e rapidità, come ad esempio i cambiamenti nelle logiche e nei comportamenti dei clienti e le potenzialità introdotte dalle nuove tecnologie. Il settore sta evolvendo, con nuove pratiche di relazione tra il mondo dell’offerta e della committenza, con una maggiore attenzione alla sostenibilità economica ed ambientale, con nuovi modelli di gestione dell’ultimo miglio, che coinvolgono anche i retailer, ora sempre meno “puri punti vendita”.

Dalla circular economy alla guida autonoma

Massimo Marciani, Presidente e Fondatore di Fit Consulting Srl, ha proposto una riflessione sulle grandi trasformazioni che il mondo ha subito negli ultimi 20 anni e attraverso un parallelismo fra il settore delle telecomunicazioni e quello della logistica, ha approfondito le tematiche emergenti della circular economy, della rivoluzione silenziosa dell’e-commerce e gli sviluppi della logistica senza frontiere.

Ad approfondire l’argomento innovazione nel campo dei trasporti, Enrico Ferraioli di Mercedes-Benz, che ha raccontato l’evoluzione dei veicoli industriali attraverso tre punti chiave: trazione elettrica, servizi telematici e Guida Autonoma.

L’ecosistema logistico

Con un intervento a due voci, il Prof. Riccardo Manzini, Direttore del Food Supply Chain Center UniBO e il Dott. Riccardo Accorsi, PhD UniBO, hanno approfondito l’argomento della logistica 4.0 e della Climate-Driven logistics. Il sistema logistico è un vero “ecosistema” da progettare, pianificare, gestire e controllare nella sua interezza, attraverso la ricerca del trade-off tra molteplici variabili in gioco. Dall’efficienza di costo, alla sostenibilità ambientale, passando attraverso la sicurezza e la qualità di prodotto nel punto di consumo. Obiettivo di ogni ecosistema è quello di essere bilanciato ricorrendo, dove necessario, a scelte che compensino e mitighino gli effetti nocivi imputabili al consumo delle risorse naturali, alla trasformazione e, naturalmente, alle scelte logistiche che trasversalmente supportano lo stoccaggio e la movimentazione della merce, dalla materia prima ai prodotti finiti. L’università di Bologna, attraverso il Food Supply Chain center, è impegnata nello sviluppo di modelli e strumenti climate-driven di supporto alla progettazione, gestione ed ottimizzazione di reti distributive complesse. Questi tool innovativi sono capaci di veicolare i prodotti verso i percorsi più “opportunistici” compatibilmente alla shelf-life di prodotto, al sistema di packaging, ai consumi energetici, al clima. Si tratta di una sfida molto ambiziosa che chiama le aziende (produttori, provider logistici, GDO, etc.) e i centri di ricerca a collaborare insieme nell’interesse del sistema ovvero del Pianeta e di chi lo abita.

La storia di Brivio & Viganò

Con una flotta di oltre  550 mezzi, 25 milioni  di chilometri percorsi  nel 2016 e tre centri logistici, per un totale  di circa 145.000 m2  di magazzini  gestiti,  Brivio & Viganò  si posiziona  tra  i più importanti  player italiani,  nel  settore  della  distribuzione e della  logistica  integrata  di  prodotti alimentari.  L’azienda  è  in grado   di  offrire   una  vasta  gamma   di  servizi  tailor-made  che,  oltre   ad  ottimizzare  tempi   e  costi, garantiscono  la massima efficienza  lungo  tutta  la filiera: dallo  stoccaggio,  alla gestione  logistica, fino  al trasporto   e la consegna.  Brivio  &  Viganò  opera  in  Italia  con  un  organico  di 1200 collaboratori, e ha registrato, nello scorso anno fiscale, un fatturato  di 96 milioni  di euro.

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.