G-Park Filago si parte coi lavori per l’immobile logistico

Condividi

Con la firma del primo contratto di locazione prendono il via i lavori della struttura build to suit di GLP

Avviato il cantiere per la realizzazione del G-Park a Filago (Bergamo). Il nuovo immobile logistico è di GLP, tra i leader mondiali nella costruzione, proprietà, sviluppo e gestione di immobili logistici, data center, energie rinnovabili e tecnologie correlate.

La prima azienda che entrerà nel nuovo immobile, una primaria società nazionale di spedizioni, occuperà 25.000 mq, pari a circa il 50% della superficie totale dell’edificio, che è di circa 51.500 mq con 62 baie di carico su doppio fronte e 250 posti auto. Il sito è situato in posizione strategica, a soli 2,5 km dal casello dell’autostrada A4 di Capriate e a 15 km dall’autostrada A58 TEEM, consentendo un facile accesso non solo a Milano (a soli 30 km) e agli aeroporti di Orio al Serio (a 18 km) e Linate (a 37 km), ma anche a tutte le aree del nord Italia e alla direttrice principale dell’autostrada A1, un hub logistico di particolare importanza per il Paese.

“Siamo lieti di annunciare l’inizio della costruzione del G-Park Filago”, ha commentato Marco Belli, Country Director di GLP Italia. “Continuiamo a investire nello sviluppo di immobili logistici di alta qualità in aree strategiche dell’Italia e disponiamo di una banca di terreni di circa 300.000 metri quadrati. Abbiamo riscontrato un alto livello di interesse per la location e il progetto, che ha portato alla firma del nostro primo contratto di locazione. I lavori di costruzione sono in corso e il completamento è previsto per settembre di quest’anno”.

La costruzione sarà certificata

La certificazione “BREEAM Excellent for New Construction protocol” è un risultato importante, che soddisfa i più alti standard di sostenibilità nella sua progettazione e costruzione, a testimonianza dell’impegno di GLP ad andare oltre lo standard industriale della certificazione BREEAM In-Use. Inoltre, l’edificio valorizzerà l’uso dell’energia sostenibile, con l’inclusione di un tetto predisposto per l’energia solare fotovoltaica e punti di ricarica per veicoli elettrici. L’immobile comprende anche una serie di misure di risparmio energetico, come facciate e tetti altamente isolati, un sistema di gestione intelligente dell’edificio e contatori per monitorare le utenze.

Per ridurre il più possibile l’impatto ambientale, un’ampia area è stata mantenuta a bosco per proteggere il vicino Parco Comunale di Dordo. Inoltre, il progetto comprende due aree per la piantumazione di alberi per la mitigazione ambientale, che coprono un’area di oltre 70.000 mq.

Tag:

Ti potrebbero interessare