JLG: 2017 anno di rinnovamento

Il 2017 ha rappresentato per JLG un anno di rinnovamenti a livello mondiale, dilogo di JLG reaching out semplificazioni, di ottimizzazioni di tutte le strutture dal punto di vista gestionale, produttivo, logistico e delle risorse umane.

Rinnovamento in area EMEA:
– L’efficientamento aziendale ha coinvolto il magazzino ricambi, recentemente trasferito dal Belgio a Born, in Olanda. Il nuovo magazzino per la distribuzione in area EMEA dei pezzi di ricambio, gestito da Broekman Logistics, è molto più capiente e garantirà una capacità di evasione sempre più rapida.
– Si è assistito inoltre all’ottimizzazione della produzione in Europa grazie all’apertura del nuovo stabilimento a Mediaș, in Romania, che va ad affiancarsi ai siti produttivi già noti di Francia e Belgio.
– La riorganizzazione ha interessato anche JLG Industries Italia, ora sotto la guida di Nicola Pontini con il ruolo di Sales and General Manager. Laureato in ingegneria gestionale, Pontini vanta una decennale carriera in azienda.

Prodotti di punta:
– Le due punte di diamante del parco macchine di JLG sono i due Ultraboom da record: la più alta piattaforma aerea telescopica semovente del mondo 1850SJ (58,56 m di altezza di lavoro) e la più alta piattaforma aerea articolata del mondo 1500AJP (48,15 m di altezza di lavoro), lanciata nel 2016 e disponibile in Italia dal 2017.
– Da evidenziare anche la nuova serie R di pantografi elettrici, caratterizzati dalla semplicità d’uso e compattezza.
– Di recentissimo lancio anche il sollevatore a braccio telescopico 660SJ, che offre un’elevata velocità di sollevamento e prestazioni eccellenti, prima fra tutte una doppia capacità fino a 340 kg.

Macchine ibride
Il 2017 ha segnato in particolar modo l’introduzione di macchine ibride. Se il mercato del Nord Europa è caratterizzato di una forte richiesta di questa tecnologia, anche in Italia si sta sviluppando una forte domanda in questa direzione. La tecnologia ibrida viene recepita con curiosità dal cliente finale, ora aperto a valutarne i vantaggi e l’ottimizzazione nel tempo, grazie a sostanziali risparmi di carburante. L’ibrido avrà un posizionamento di mercato parallelo ai prodotti tradizionali, pareggiandone le prestazioni. Attualmente la produzione di macchine ibride si concentra sulla piattaforma H340AJ, ma sono già pronti nuovi modelli che verranno presentati nel 2018.

Accessoristica
Il 2017 ha segnato innovazioni tecnologiche anche nel campo dell’accessoristica e, in particolare, il sensore GPS Telematics applicabile alle piattaforme JLG. Si tratta di una tecnologia che arriverà in Italia nei prossimi mesi e che, grazie a un’interfaccia molto semplice, permetterà di dialogare con la macchina bilateralmente, riuscendo a fornire in tempo reale il monitoraggio della diagnostica, della manutenzione e dell’utilizzo della macchina, nonché il posizionamento e la geolocalizzazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.