Monitorare le performance dei propri asset con l’OEE

L’Overall Equipment Effectiveness (acronimo: OEE) è un indicatore riconosciuto a livello internazionale per la valutazione di quelle che sono le performances di un impianto, di un processo produttivo, di un macchinario o di un componente specifico.

Questo indicatore rivela quelle che sono le performance di un asset rispetto al suo potenziale.

L’OEE è stato introdotto nel 1960 da Seiichi Nakajima ed è diventato un indicatore chiave per l’applicazione della Total Productive Maintenance, la quale necessità di una completa affidabilità dei macchinari e di una riduzione drastica delle perdite e degli sprechi.

L’OEE tiene in considerazione quelle che sono le sei perdite caratterizzanti un sistema, le quali impediscono il raggiungimento di un output ottimale.
Il valore è così ottenuto: OEE = Disponibilità x Performance x Qualità.

Il fattore disponibilità tiene in considerazione dei tempi persi a causa di set-up, di stand-by e del tempo necessario per la manutenzione correttiva.
Il fattore performance tiene in considerazione il mancato raggiungimento degli obiettivi a causa di una riduzione della velocità di lavorazione o di un ridotto carico di lavoro causato da inefficienza varie.
Il fattore qualità tiene, infine, in considerazione tutte quelle perdite dovuti a difetti e scarti nel prodotto o servizio in uscita.

Utilizzare questo indicatore può rivelarsi particolarmente utile:
– identifica una misura standard utilizzabile in tutte le unità ed in più aziende;
– permette di individuare più facilmente opportunità di miglioramento;
– monitora come variano le performance di un elemento nel tempo;
– obbliga a tenere in considerazione le diverse sfaccettature legate alla perdita di produttività.

OEE is a measure of how well the asset works compared to its full potential

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.