Dopo mesi di clausura forzata, nei quali le parole che ci sono diventate più familiari sono state “lockdown” e “coronavirus”, è il momento di cambiare ottica. Per soffiare sulle vele della ripresa, uno dei più grandi network europei del trasporto espresso ha lanciato una campagna di comunicazione per dare un segnale di speranza nel futuro.

Palletways #ricominciAMOinsieme

Con l’hashtag #ricominciAMOinsieme, Palletways Italia vuole dunque incoraggiare i suoi lavoratori, concessionari e clienti ad un positivo ritorno al lavoro in questa Fase 2.

Video e contenuti distribuiti attraverso i canali web dell’azienda sono rivolti a tutta la Supply Chain per lasciarsi alle spalle i traumi dovuti al lockdown.

Supportare la ripresa rafforzando il Marchio

La Fase 2 è un’occasione importante per le aziende di tutti i settori, non soltanto perché è sinonimo, se non di un ritorno alla normalità, di una ripresa delle attività e dei fatturati.

Si tratta infatti di un momento propizio per gettare le basi di un nuovo futuro, con l’introduzione di paradigmi rinnovati nelle metodologie e nelle prassi lavorative, ma soprattutto nella filosofia aziendale.

Basti pensare alla coscienza ambientale e sociale che questa terribile esperienza dovrebbe aver fatto maturare almeno un minimo in tutti noi.

Per Palletways si tratta anche di rafforzare lo spirito di squadra ed il senso di appartenenza all’azienda, promuovendo l’identità del Marchio e la solidità dei suoi servizi.

Tempi di ringraziamenti

Anche se è prematuro cantar vittoria, rispetto alla prima fase di emergenza che ha colto tutti alla sprovvista, nella sua campagna Palletways rivolge un ringraziamento anche a chi ha garantito il mantenimento dei servizi essenziali.

La stessa rete di concessionari del Gruppo ha fatto parte di quelle migliaia di logistici che hanno permesso alla grande distribuzione di continuare ad avere cibi freschi sui banchi, malgrado la situazione di caos e pericolo. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.