E’ ormai noto che investire risorse con l’obiettivo di rendere le operations più green e sostenibili, crea benefici non solo all’ambiente ma anche al profitto.

Nonostante il giusto approccio, ovviamente, varii da organizzazione ad organizzazione,
ecco alcune aree da considerare ed alcune manovre da implementare per rendere la supply chain green:

SUPPLY AND PROCUREMENT
Mentre non è sempre possibile influenzare il modus operandi dei suppliers, è sempre possibile decidere con quali suppliers lavorare. È quindi importante tenere in considerazione diversi fattori quando si acquistano materie prime, semilavorati o prodotti finiti:
– minimizzare le distanze di spedizioni lavorando con supplier locali ove possibile;
– analizzare la strategia ed il comportamento dei supplier in ottica green, ad esempio:
riciclano i materiali? ricercano il risparmio energetico?;
– cercare supplier disponibili per il co-shipping;
– valutare con i supplier nuovi scenari di ottimizzazione.

PRODUCT DESIGN
modificare il design esistente per favorirne la sostenibilità, anche in caso di costi aggiunti
i quali potrebbero essere compensati con un incremento del prezzo, mantenendo o
addirittura migliorandone il margine;
– utilizzare materiali riciclati quando possibile;
– progettare i prodotti con l’intento di poterli riparare e non direttamente buttare;
– collaborare con diversi partner per ridurre l’impatto ambientale del prodotto e della sua
produzione.

PACKAGING DESIGN
minimizzare l’uso di imballaggio, soprattutto di plastica;
– progettare le confezioni in modo da massimizzarne il numero nei pallet;
– sviluppare confezioni riutilizzabili;
consolidare le spedizioni quando possibile.

SPEDIZIONE E TRASPORTO
In questo caso è importante bilanciare l’impatto ecologico ed economico delle diverse soluzioni:
– cercare opportunità per sviluppare programmi di spedizione collaborativa con altri
spedizionieri per condividerne le facilities;
– analizzare accuratamente il backhaul evitando ad esempio ritorni a carico vuoto;
– controllare spesso l’ottimizzazione dei percorsi.

SUPPLY CHAIN NETWORK DESIGN
Non è sufficiente guardare ai singoli fattori, per rendere veramente green la supply chain è fondamentale analizzare il network in generale, cercando nuove alternative più sostenibili:
ottimizzare il magazzino in modo da: ridurre lo spazio necessario, ridurre il numero tocchi
su ciascun item, ridurre le distanze;
– controllare periodicamente la struttura del network in particolare quando la compagnia sta crescendo grazie ad acquisizioni;
– usare nuovi software e tool per valutare nuovi scenari di ottimizzazione del network;
– usare metriche green per misurare ad esempio lo spreco di acqua e di materiali.

Maggiori dettagli nell’articolo di Bobby Miller.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.