Platooning: una nuova tecnologia per rendere l’autotrasporto più intelligente

Il Platooning è un fenomeno che potrebbe diffondersi nei prossimi anni grazie, soprattutto, ai benefici che è capace di portare nel settore dell’autotrasporto.

Ma andiamo con ordine, cos’è il platooning?

Con questo termine si indica una sequenza di camion che viaggiano in colonna. Il primo camion è provvisto di conducente che ha capacità decisionali sia in termini di velocità che di percorso. Gli altri camion, al contrario, non sono provvisti di conducente ma seguono il primo grazie ad un sistema wireless e tecnologie di guida semiautomatica.

Questa sequenza di camion assomiglia quindi ad un treno capace però di viaggiare su strada con una distanza minima tra un camion e l’altro, distanza necessaria per ragioni di sicurezza.

Il platooning si tratta quindi di un convoglio di camion che riduce il numero di autisti necessari e sfrutta le ultime tecnologie in campo di automazione e comunicazione.

Vediamo ora quali sono i vantaggi:

  • Riduzione impatto ambientale: il platooning permette un risparmio di circa il 10% del carburante necessario a parità di tragitto. Questa riduzione di carburante necessario combinata a veicoli con le più recenti tecnologie permetterebbe una riduzione sostanziale delle emissioni di CO2.
    a
  • Maggior sicurezza: la sincronizzazione tra i vari camion riduce drasticamente il rischio di incidenti in caso di frenate più o meno improvvise. Questa sincronizzazione eliminerebbe, infatti, il tempo di reazione che spesso è la causa di tamponamenti ed incidenti.
    a
  • Riduzione del numero di autisti necessari: questo punto è di particolare interesse in questo momento storico durante il quale è sempre più difficile trovare autisti. Il platooning non andrà a togliere lavoro ai trasportatori ma aiuterebbe a colmare il gap tra il numero di autisti richiesti dalle aziende e quelle effettivamente disponibili.

Sono diverse le aziende che hanno sperimentato questa nuova tecnologia, ad esempio: Volvo, Scania, Iveco. Vi è anche qualcosa di più concreto: lo scorso anno DB Schenker e MAN hanno testato su un tratto dell’autostrada tedesca A9 lunga 145 km l’applicazione del platooning in condizioni di trasporto reale (non controllato).

Quanto l’avvento di questa tecnologia sia vicino non è dato saperlo ma sicuramente i benefici che potrebbe generare la renderanno una soluzione chiave per un trasporto più sicuro, sostenibili ed intelligente.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.