Accanto alla zona di picking robotizzata per le movimentazioni medie e lente e al magazzino pallet, Savoye installerà un nuovo sistema di picking zone-to-zone.

Il progetto comprende la fornitura di scaffalature, una macchina per la chiusura di scatole, pesatrici, conveyor e un WaCS per il controllo del sistema. Inoltre, Savoye realizzerà un collegamento tra le due zone integrando una linea extra di conveyor per i rifiuti e il cartone in eccesso.

Un processo senza interruzioni

La belga Soditra Logistic opera da molti anni come fornitore 3PL per L’Oréal ed ha ampliato nel tempo il proprio portafoglio con servizi a valore aggiunto, come l’assemblaggio di espositori per punti vendita, prodotti termoretraibili (caldo e freddo) dopo le attività di condizionamento e decondizionamento, il tutto a seconda delle esigenze del cliente. L’obiettivo di L’Oréal era quello di aggiungere più flessibilità, reattività e soprattutto più sinergia al loro processo, giungendo alla decisione di esternalizzare tutte le attività per il Benelux al partner Soditra Logistic.

Questo sviluppo ha dato il via a una riorganizzazione interna in cui le attività per altri clienti si trasferiranno a Mollem e i servizi logistici per L’Oréal saranno centralizzati sotto un unico tetto a Nivelles. Questa sede verrà ampliata da 16.000 m2 a 30.000 m2, con una completa ristrutturazione.

Leggi anche:
Komplett sceglie le packing machines di Savoye e la sostenibilità

 

Riorganizzare il puzzle logistico

Le attività a Nivelles possono essere suddivise in tre parti:

  1. Completare i pallet dentro e fuori
  2. Ordinazione standard. Il commissionatore preleva i prodotti e compone il pallet/ordine completo.
  3. Detail picking; una scatola/confezione è composta da diversi articoli. Inizialmente, questo veniva fatto con carrelli di picking. Nel 2018 è stata implementata una nuova tecnologia: robot AMR e scaffalature mobili in combinazione con quattro postazioni di picking.

L’organizzazione è stata principalmente determinata dalle classi di rotazione dei prodotti; i fast mover e gli slow mover, il 20%-80% delle SKU in magazzino e l’80%-20% del flusso di merci.

Ora che tutto il lavoro di L’Oréal doveva essere riunito sotto lo stesso tetto, era necessario rispondere alla domanda: Qual è il miglior mix di sistemi e tecnologie per fare tutto nel miglior modo possibile?“.

Sono stati attentamente analizzati i vantaggi e gli svantaggi di entrambe le soluzioni goods-to-person e person-to-goods, mantenendo come base di partenza le classi di rotazione. I sistemi person-to-goods semplificano il processo di riassortimento, ma forniscono meno output. Con le soluzioni goods-to-person, è esattamente il contrario.

 

Le zone connesse

Una delle conclusioni del rapporto è stata che l’unione di tutte le classi di prodotti in un solo sistema non avrebbe funzionato. È stata presa la decisione di mantenere le diverse zone di picking. Tuttavia, in qualche modo gli ordini con prodotti provenienti dalle due diverse zone dovevano essere riuniti. Inoltre, il ROI e la produttività dovevano essere migliorati con la nuova configurazione. Savoye ha sviluppato una soluzione in cui le scatole viaggiano attraverso entrambe le zone tramite un sistema di trasporto in modo che gli ordini combinati finiscano nello stesso collo. Con questa soluzione, Soditra Logistic non solo realizza un output produttivo, ma riduce anche la propria carbon footprint aderendo agli standard di L’Oréal. Fondamentalmente, Soditra Logistic utilizza quattro diversi tipi di scatole che possono essere chiuse tutte dalla stessa macchina.

Dopo la zona con i robot, il conveyor trasporta le scatole all’area di picking zone to zone, dove verranno utilizzate le scaffalature (la merce viene alimentata dal retro) e una serie di stazioni di picking. Le scatole aperte vengono trasportate davanti a loro. La tecnologia RF viene utilizzata per indicare le quantità da inserire nella scatola. Infine, le scatole arrivano in una delle otto corsie di uscita per essere preparate per la spedizione.

Notevole e particolarmente efficiente è la soluzione per prelevare gli imballi vuoti dalle postazioni di picking. Savoye integra un conveyor aggiuntivo accanto alla linea principale, che trasporterà tutto il materiale di scarto direttamente a un trituratore.

È stato un vero rompicapo espandere e ristrutturare contemporaneamente i locali di Nivelles. Avevamo solo un anno per completare l’intero processo, durante il quale non era possibile mettere in pausa o interrompere le attività quotidiane. Savoye ci ha aiutato a ideare e progettare questa soluzione integrata. La cooperazione sta procedendo secondo i piani e prevediamo di essere pienamente operativi a luglio ottenendo un processo più produttivo ed efficiente in magazzino Jean-Luc Waetermans, Business Development Director di Soditra Logistic

 

Key figures nel magazzino di Nivelles:

150 dipendenti,

30,000 m2

12,000 SKUs,

Stoccaggio 27,000 pallet

Oltre 40,000 pallet in entrata anno

Oltre 250,000 ordini/anno

Savoye integra il suo software e le sue tecnologie interne con sistemi selezionati di terze parti in a due aree di competenza:

Advanced Software per lo sviluppo e l’integrazione di pacchetti software di Supply Chain Execution (OMS, WMS, WES, TMS, POS), fornendo la gestione di magazzini, punti vendita, attività di trasporto e organizzazioni logistiche multisito.

 Advanced Technologies per la progettazione e l’integrazione di sistemi di picking automatizzati (goods-to-person, robots, conveyors, sorters), magazzini automatizzati ((shuttle e mobile robots per carichi leggeri e pesanti) e macchine per il packaging (riduzione volumetrica, personalizzazione).