Una nuova operazione nell’immobiliare logistico ha portato all’ultimazione ed alla consegna di un magazzino a temperatura controllata per la GDO in posizione strategica nella cerchia cittadina di Milano.

Si tratta di un moderno hub di logistica urbana, perfettamente posizionato per le consegne last-mile nel capoluogo lombardo, realizzato da GSE Italia, filiale del gruppo francese GSE.

Leggi anche:
L’immobiliare logistico dedicato all’ultimo miglio

 

Un deposito a temperatura controllata di 13.186 m²

Questo magazzino, con una superficie di 13.186 m², sorge su un’area di 22.308 m² in via Dione Cassio. L’intero progetto rappresenta un chiaro esempio di logistica di prossimità destinato all’universo della grande distribuzione e si traduce in uno spazio qualificato, multi-temperatura e ad elevata densità tecnologica e umana in grado di soddisfare le esigenze dell’ultimo miglio in maniera efficiente e sostenibile.

La struttura è integrata da 1.620 m² di spazi destinati ad uso amministrativo e di gestione aziendale e da un moderno magazzino di 10.920 m², ma la sua principale caratteristica è la multi-temperatura, che si esprime attraverso la presenza di 7 reparti a temperatura controllata (compresa tra 0 e 4°C) per la preparazione alimentare e il confezionamento di prodotti freschi e freschissimi, e di una cella a -18°C per la conservazione di prodotti alimentari surgelati. x

 

Leggi anche:
L’immobiliare logistico spinto dall’eCommerce

 

L’intero edificio è certificato LEED Silver ed è caratterizzato da una spiccata attenzione alla sostenibilità. Sono infatti presenti un tetto giardino che riduce l’effetto isola di calore creato dall’edificio e ne aumenta l’inerzia termica e un importante impianto fotovoltaico di circa 400 kWp per far fronte al fabbisogno energivoro dell’immobile. È stato inoltre predisposto un impianto di illuminazione LED interno e parcheggi dotati di colonnine di ricarica elettrica per i dipendenti e per le flotte impiegate per la distribuzione urbana delle merci.

«La riconversione di aree urbane inattive è una delle sfide più importanti del presente e futuro sviluppo immobiliare, in quanto richiede competenze specialistiche e capacità di coordinamento superiori ad un edificio di nuova realizzazione “greenfield”. Questo progetto rappresenta tutta la determinazione di Prologis e GSE a realizzare per una primaria azienda italiana della GDO un’idea di logistica sostenibile sia a livello ambientale che sociale», ha dichiarato Valentino Chiarparin, Country Manager di GSE Italia.

Un’operazione brownfield virtuosa in pieno contesto urbano

La realizzazione di questo magazzino è il risultato di un’operazione brownfield virtuosa che ha portato ad una rigenerazione del territorio senza implicare il consumo di suolo e soddisfa appieno i principi di decoro urbanistico grazie ad una perfetta integrazione con il contesto urbano circostante.

«E-commerce, logistica dell’ultimo miglio ed alimentare saranno senza dubbio alcuno il futuro della supply chain e sono riassunte nell’immobile che abbiamo appena completato. Richiedono qualità elevata, perché il livello di tecnologia presente in questo tipo di immobili è superiore a quello di un magazzino standard. In questo caso, il supporto di un General Contractor capace ed affidabile si misura ancora meglio», ha detto Sandro Innocenti, Country Manager Italia di Prologis.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.