Con la dimensione acquisita dall’eCommerce, siamo di fronte ad una voce irrinunciabile per l’economia mondiale e per molti settori specifici, come quello logistico.

Se acquistare via internet appare sempre più come un’abitudine globalizzata, a gestire effettivamente la maggior parte di questi ordini non sono poi molte piattaforme. Una ricerca di International Post Corporation ha censito le percentuali di spartizione dei prodotti e delle spedizioni legate all’eCommerce, per capire a quali realtà facciano capo.

eCommerce, gli acquisti: Cina vs USA

A contendersi le prime posizioni sono due nazioni al mondo: Cina e Stati Uniti.

Il 39% degli ordini effettuati nel 2019 in tutto il mondo avevano per oggetto prodotti spediti dalla Cina: la quota nel paniere del commercio online nell’arco degli ultimi tre anni è quasi sempre cresciuta per i Cinesi (+ 7% nel 2017, +3% nel 2018, una stabilizzazione nel 2019).

A seguire, si trovano Stati Uniti (14%), Regno Unito (10%) e Germania (9%).

Spedizioni eCommerce

Il capitolo spedizioni interessa invece, in buona sostanza, due nomi: Amazon, che si attesta al 25% del totale, ed Alibaba, che si ferma al 20%. Altri competitor, come eBay e Wish, hanno percentuali di spartizione di questo mercato che non superano l’11%.

Le percentuali di Amazon ed Alibaba sono legate anche alla predominanza in differenti aree geografiche: Paesi come Russia, Turchia e Lituania sono appannaggio di Alibaba, mentre Amazon gestisce soprattutto le spedizioni in Austria, Canada, Giappone e Lussemburgo, che rappresentano rispettivamente le nazioni in cui i due colossi detengono la maggiore penetrazione.

Un dato interessante, infine, è che il 44% dei prodotti acquistati online ha un prezzo inferiore ai 25 euro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.