Da sempre la logistica fa propri criteri di economicità ed efficienza per un utilizzo più razionale delle risorse: in questo senso si motiva la scelta di molti operatori del settore di aggiornare e rinnovare periodicamente la propria flotta di automezzi con gli ultimi modelli delle case produttrici, per ottenere prestazioni equivalenti, o in qualche caso migliori, a fronte di consumi ridotti.

L’attenzione alla sostenibilità ambientale è invece un valore che un’azienda deve avere nel proprio DNA, poiché spesso comporta scelte pionieristiche ed anche economicamente impegnative, per trovare insieme ai propri partner soluzioni dirette al bene collettivo.

Questa è la filosofia che da sempre anima il Gruppo GI.MA.TRANS nello sviluppo della propria Green Vision tramite progetti dal valore concreto e misurabile, e che l’ha reso il primo operatore logistico nell’area EMEA a dotarsi anche di mezzi Green Truck di ultima generazione.

Leggi anche:

Interscambio EPAL: arriva la riparazione certificata

Fotovoltaico, 100% elettrico e LNG: la tecnologia green della flotta 

Da qualche anno l’azienda con sede a Pozzo d’Adda sta sperimentando sui propri mezzi l’alimentazione del gruppo frigorifero tramite pannello fotovoltaico, al fine di ridurre l’uso del motore diesel e risparmiare così carburante ed emissioni. Il confronto effettuato fra i consumi di due semirimorchi adibiti al trasporto refrigerato per la stessa piattaforma della GDO mostra come il periodo di attività del motore diesel si dimostri sensibilmente inferiore (96 ore nelle 26 settimane osservate) grazie all’utilizzo della tecnologia green: moltiplicando questo valore per il consumo medio (pari a 2,57 l/h) si ottiene come risultato un risparmio netto di 246 litri nel solo periodo di riferimento.

Dal 2018 il Gruppo GI.MA. TRANS utilizza su alcuni veicoli anche unità Frigoblock FK25 SL – multi temperatura a zero emissioni che, grazie al funzionamento 100% elettrico, con la corrente prodotta dal generatore collegato al motore del veicolo, fornisce una resa frigorifera più che raddoppiata rispetto a un analogo gruppo multi temperatura tradizionale.

Questi gruppi frigoriferi sono anche installati su motrici GI.MA. TRANS alimentate a LNG, nella direzione di un impatto ambientale completamente nullo a livello di rumorosità ed emissioni.

 

«Il metano in forma liquefatta rappresenta una soluzione estremamente interessante in Italia per il trasporto a medio-lungo raggio, sia alla luce del minor impatto ambientale che del costante sviluppo della rete di stazioni di rifornimento. In questo senso, siamo costantemente impegnati nel mettere in atto progetti che ci consentano di favorire la diffusione di veicoli a LN», dichiara Franco Fenoglio, Presidente e Amministratore Delegato di Italscania. «Il nuovo Green Truck, in particolare, rappresenta un’innovativa soluzione che consentirà alle aziende di trasporto di rispondere al meglio alle esigenze, in termini di riduzione delle emissioni, della grande distribuzione».

Leggi anche:
Autotrasporto, stop a ZTL e divieti festivi per favorire la distribuzione

Il progetto Green Truck

Proprio grazie alla collaborazione con i suoi storici partner Italscania e Thermo King, infatti, il Gruppo GI.MA. TRANS è diventato ambassador del progetto Green Truck, nonché il 1° nell’area EMEA a utilizzare la tecnologia SLXi Hybrid su mezzi alimentati a LNG. 

«La scelta di GI.MA. TRANS di voler applicare la tecnologia Thermo King Hybrid ai trattori Italscania alimentati a LNG è stata sicuramente sfidante nello sviluppo del progetto – afferma Renato Cravino, titolare di R&C SERVICE COMPANY – La difficoltà maggiore si è rivelata la collocazione dell’inverter a causa della posizione dei serbatoi LNG, ma la casa produttrice del mezzo a metano è stata in grado di risolvere il problema grazie alla propria esperienza ingegneristica».

Si tratta infatti di un sistema composto da un alternatore Frigoblock, raffreddato ad acqua e installato sul motore, che sviluppa energia ricavandola dalla trasmissione del trattore e da un inverter che attinge energia dall’alternatore e la trasforma in corrente elettrica passandola al gruppo frigo.

«La soluzione nata da questa collaborazione ha beneficiato della lungimiranza di GI.MA. TRANS nel capire i vantaggi a lungo termine di questa tecnologia e dell’esperienza di Thermo King e Italscania nello sviluppare l’integrazione fra il gruppo frigo e i mezzi alimentati a LNG – afferma Marco Tosi, Sales Manager Southern Europe di Thermo King – Un unico motore diesel sul mezzo significa un’unica fonte di rumorosità, abbattimento della produzione di anidride carbonica e diminuzione del consumo di gasolio».

A seconda delle esigenze, infatti, la connettività standard e la funzione di geo localizzazione fanno passare automaticamente l’alimentazione dell’unità da diesel a ibrida, consentendo così la circolazione anche nelle aree delle città riservate a veicoli a zero emissioni. I mezzi Green Truck possono inoltre essere impiegati per lo scarico in orari notturni nelle aree urbane a basso impatto ambientale, grazie alle emissioni sonore ai valori minimi PIEK, e offrono a GI.MA. TRANS la possibilità di partecipare a tender di logistica e trasporto per l’Industria e la Grande Distribuzione che richiedano veicoli con specifiche tecniche rivolte alla sostenibilità.

Leggi anche:
Conftrasporto, cosa fare con il Recovery Fund: crescita digitale tra formazione, sostenibilità e infrastrutture

Green Truck vs Euro6: un confronto concreto

Dopo più di un anno di utilizzo, è però importante capire quali siano gli effettivi risultati in termini di impatto ambientale e di risparmio energetico/economico: per questo motivo sono stati raccolti e successivamente analizzati e comparati i dati inerenti i consumi e le prestazioni di due mezzi – nello specifico un Green Truck e un Euro6 – impiegati sulla medesima tratta e per la stessa tipologia di servizio.

Il bilancio operativo dei due veicoli GI.MA. TRANS oggetto del confronto rivela un risparmio complessivo in termini economici pari al 7% a favore del Green Truck, rispetto al mezzo Euro6, nonostante la minor resa del motore a LNG e il conseguente consumo aggiuntivo di carburante a compensazione; il miglior rendimento del frigorifero grazie alla tecnologia ibrida ha quindi ripagato le attese garantendo importanti vantaggi dal punto di vista dell’efficienza energetica. A parità di utilizzo i Green Truck assicurano quindi una migliore economia operativa totale, pur a fronte di un investimento iniziale superiore (in misura del 30% circa per ogni veicolo acquistato) rispetto a mezzi Euro6 della stessa categoria. 

Leggi anche:
FERCAM e BIOGAS WIPPTAL: investimenti per un trasporto stradale a impatto zero

 

Lo sforzo economico maggiore è però ricompensato anche e soprattutto dai risultati in tema di sostenibilità ambientale, causa prima della strada pionieristica intrapresa dall’operatore logistico lombardo: grazie ai mezzi Green della propria flotta, infatti, il Gruppo GI.MA. TRANS ha risparmiato complessivamente emissioni pari a 141 tonnellate di CO2 in un anno. Lo stesso confronto in termini di costi esterni, ovvero di costi per la collettività generati dall’emissione di CO2, NOx e PM, mostra invece un risparmio di oltre € 49.000 grazie alle consegne effettuate con veicoli ECO, espressione concreta della Green Vision aziendale (Elaborazioni e dati FIT Consulting).

Infine, la livrea personalizzata per i Green Truck GI.MA.TRANS è stata scelta per dare evidenza del progetto anche ai non addetti ai lavori «Il mondo dell’autotrasporto spesso è percepito solo come causa della congestione delle arterie stradali – afferma Stefano Quarti, CEO del Gruppo – Vogliamo far sapere anche a chi non è del settore che noi trasportatori, nonostante tutte le difficoltà connesse, stiamo facendo tutto il possibile per contribuire al meglio verso una vittoria collettiva».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.