La logistica italiana si sposta prevalentemente su gomma, dunque il capitolo degli incidenti stradali è una di sicuro interesse. Il Centro Ricerche Continental Autocarro ha elaborato i dati Istat sugli incidenti stradali in Italia nel 2018, prendendo in esame sia quelli individuali che quelli fra più veicoli, traendone una vera e propria graduatoria dell’incidentalità nelle città della penisola.

Sotto la lente, è chiaro, sono stati posti i sinistri che hanno coinvolto autocarri, ossia vettori del trasporto pesante.

Bologna e Genova maglie neri per gli incidenti

Tasso di incidentalità degli autocarri nelle dieci maggiori città italiane – Fonte: elaborazione del Centro Ricerche Continental Autocarro su dati Istat

L’elaborazione del Centro Ricerche Continental Autocarro ha prodotto una graduatoria del tasso di incidentalità degli autocarri (ossia relativo alla percentuale di sinistri occorsi a mezzi pesanti sul totale degli incidenti stradali) città per città.

Ad uscirne decisamente male è Bologna, che con l’8,1% detiene la peggior percentuale, seguita da Genova con il 7,2%.

Milano si piazza terza in virtù di un 5,9%, seguono Torino (5,5%), Roma (4,8%), Firenze e Bari (3,7%), Palermo e Catania (2,7%) e, infine, Napoli (2,5%).

In media, il tasso di coinvolgimento degli autocarri negli incidenti stradali è del 5,7%.

LEGGI ANCHE Dossier: autotrasporto, è ancora la soluzione migliore?

Cause e possibili soluzioni

Secondo Continental il legame tra le città ed il tasso di incidentalità relativo agli autocarri è data dal tipo di infrastrutture, spesso sottodimensionata anche per la natura del tessuto urbano, ed il traffico veicolare, specie quello pesante.

Continental è fortemente impegnata sul tema della sicurezza stradale. Strade sempre più sicure sono infatti l’obiettivo di Vision Zero, la visione strategica del Gruppo Continental per i prossimi anni. Zero vittime, zero feriti e zero incidenti è l’ambizioso traguardo che il gruppo pone al centro della propria strategia di sviluppo di sistemi e prodotti in grado di assistere il conducente. 

LEGGI ANCHE Platooning: una nuova tecnologia per rendere l’autotrasporto più intelligente

Continental ha tutte le competenze per dare un contributo essenziale nel raggiungere il traguardo di Vision Zero. Produce infatti tutti i componenti indispensabili per rendere i veicoli intelligenti: sistemi di controllo e monitoraggio della dinamica del veicolo, pneumatici, sensoristica di bordo, sistemi di supporto alla guida che, integrandosi tra loro, rendono i veicoli sempre più capaci di svolgere un ruolo attivo nell’evitare incidenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.