Nel mese di Agosto, mentre in Europa la situazione relativa al Covid-19 è parsa essere sotto controllo, dall’altra parte del mondo si è invece scatenata un’offensiva pandemica che ha colpito l’Indonesia e gli Stati vicini.

Si sono così rese nuovamente necessarie quelle operazioni contro il tempo per rifornire la nazione dei dispositivi salvavita, come i preziosissimi concentratori di ossigeno, che sistematicamente divengono merce rara in questi frangenti.

Leggi anche:
Logistica sanitaria: CEVA Forpatients e una nuova soluzione sensibile alla temperatura

 

Una logistica globale in supporto

Data la situazione, è scattata una rete di aiuti che si è principalmente basata sulle infrastrutture logistiche e sulla disponibilità delle aziende di settore.

La pandemia ha colpito duramente in estate nell’area del sud-est asiatico: per garantire le forniture mediche è stata attivata una rete globale – quella che normalmente si occupa di trasportare e distribuire beni di consumo – per scopi umanitari.

 

CEVA e la fondazione Changi

Trattandosi di una delle multinazionali della logistica con più ramificazioni globali, CEVA Logistics è stata chiamata in causa a supporto dell’emergenza, sia per la distribuzione alle strutture sanitarie, che per la logistica di collegamento tra Stati Uniti e Indonesia, nel caso specifico.

Con molti paesi del sud-est asiatico e del Pacifico colpiti dalla variante Delta, altamente trasmissibile, CEVA Logistics sta dunque utilizzando la sua rete globale per assicurare le necessarie forniture mediche a coloro che ne hanno bisogno. In totale, 1.380 macchine sono state donate dalla Fondazione Changi insieme a più di 30 altri partner aeroportuali, così come dai singoli dipendenti dell’aeroporto.

Leggi anche:
Reefer e contract Logistics: CEVA Logistics si espande in Africa

 

Il progetto di aiuto all’Indonesia

CEVA partecipa al progetto di aiuto organizzato dal Changi Airport Group: la prima spedizione del progetto di concentratori di ossigeno partita da Los Angeles pesava più di 14.000 chilogrammi ed è stata consegnata direttamente al magazzino CEVA Logistics situato all’interno dell’Airport Logistics Park di Singapore. La spedizione è stata ulteriormente consolidata presso la struttura CEVA prima di lasciare Singapore per Giacarta il 19 agosto.

 

Logistica globale per il bene locale

Lo sforzo per trasportare la grande quantità di concentratori di ossigeno è un altro esempio di come CEVA Logistics abbia utilizzato la propria rete globale per sostenere il trasporto delle forniture mediche necessarie nella lotta contro il virus. All’inizio della pandemia, l’azienda ha organizzato un ponte aereo di due voli a settimana per consegnare diverse centinaia di milioni di mascherine dalla Cina alla Francia nel corso di mesi. 

Inoltre, CEVA è stata anche incaricata da General Motors (GM) nell’aprile 2020 per gestire la sua intera catena di approvvigionamento della produzione di respiratori a sostegno della risposta alla pandemia negli Stati Uniti. CEVA era responsabile della consegna di centinaia di pezzi allo stabilimento GM di Kokomo, Indiana, organizzando l’intera catena di fornitura dei fornitori Tier 1, Tier 2 e Tier 3 in una settimana – un processo che normalmente potrebbe richiedere due mesi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.