Dodici anni di dominio, così il porto di Shanghai celebra l’apertura del 2022: con un primato neanche lontanamente intaccato dalla pandemia ed un incremento dei TEU movimentati su base annua pari al +13,4%.

 

Leggi anche:
Banca Europea per gli Investimenti: 300 mln di euro per il porto di Genova

 

Record di TEU movimentati

I TEU, ossia l’unità di misura delle unità di container equivalenti a 20 piedi, nel 2021 hanno preso il volo, con il superamento della soglia dei 6 milioni per la quota di transito internazionale, mai accaduto prima.

In generale i volumi sono stati alti: la movimentazione container complessiva è stata quantificata in 47 milioni di TEU, 32 dei quali in uscita e 6,3 in entrata.

Leggi anche:
Ikea, navi e container in proprio per bypassare le crisi della Supply Chain

 

Maggior efficienza dalla digitalizzazione

Secondo le fonti cinesi, lo Shanghai International Port Group Co, Ltd., il risultato che ha posto per il dodicesimo anno di fila lo scalo cinese in testa alle classifiche mondiali è in buona parte dovuto agli investimenti fatti nella digitalizzazione ed elettrificazione delle infrastrutture.

L’apporto dato dall’utilizzo di infrastrutture automatizzate in banchina e da mezzi pesanti ‘smart’, connessi con il sistema portuale, avrebbe inciso pesantemente e positivamente, sopperendo ai problemi legati al Covid-19 e aumentando l’efficienza dello scalo.