Se è vero che la logistica è stato il settore trainante, il sistema linfatico, si potrebbe dire, della nazione durante l’emergenza sanitaria da Covid-19, allora la positività dei segnali registrati dall’Interporto di Nola non dovrebbero stupire.

In un panorama industriale che paga lo stress ed i contraccolpi da chiusure e limitazioni, le difficoltà di gestione dello smart working e delle sanificazioni in presenza, il mondo logistico marca spesso il segno ‘+’ davanti ai risultati del 2020.

Leggi anche:
Interporto di Nola-Cina via ferrovia: arrivano i primi container

 

Interporto di Nola, andamento positivo

Nonostante l’emergenza sanitaria da Covid-19, infatti, il traffico e la movimentazione merci dell’Interporto di Nola nel 2020 hanno registrato un andamento sostanzialmente invariato; in alcuni settori è stato addirittura leggermente positivo. In particolare, TIN – Terminal Intermodale Nola S.p.A. (società controllata da Interporto Campano S.p.A.), che gestisce l’area intermodale, ha segnato un incremento del +2%, passando da 87.361 UTI movimentate nel 2019 a 88.522 nel 2020. 

 

Leggi anche:
Digitalizzazione portuale e logistica intermodale: il progetto pilota FENIX

 

UTI e treni cargo: +24% e +8%

Cresce anche il numero degli UTI trasportate su Nola dalla ISC Intermodal con una variazione del +24% (30.948 UTI nel 2020 – 24.975 nel 2019) e quello dei treni operati complessivamente da ISC-Interporto Servizi Cargo (2.674 treni, +8%), dati che hanno compensato la lieve percentuale in calo dei treni in arrivo/partenza su Nola (-1%).

Leggi anche:
Logistica intermodale, vaccinare gli addetti è prioritario

 

Accordi commerciali azzeccati

Dietro alla crescita delle due controllate ISC e ISC Intermodal ci sono l’intensificazione dei collegamenti ferroviari e diversi accordi commerciali: dopo aver raggiunto il record di frequenze per un collegamento intermodale tra nord e sud Italia, con 16 treni a settimana per il treno Verona-Giovinazzo, Interporto Servizi Cargo ha anche attivato recentemente un collegamento ferroviario con la Cina. 

Proprio quest’ultimo sta incontrando un crescente gradimento del mercato: in questo modo la merce arriva via treno dal far east all’interporto di Nola senza nessun trasbordo intermedio, con un transit time di circa 30 giorni, e percorrendo 9.060 km di ferrovia.

 

Leggi anche:
SMET, operativo nuovo collegamento intermodale Bologna-Colonia

 

Cala solo il traffico su gomma

Riguardo al traffico su gomma, i dati del 2020 segnalano la movimentazione di ca. 4.928.502,65 tonnellate di merci rispetto alle 5.426.220,15 del 2019.

Secondo l’amministratore delegato di Interporto Campano, Claudio Ricci, «il 2020 è stato un anno particolare per tutti, ma nonostante le difficoltà che l’emergenza Covid ha generato, l’Interporto di Nola è riuscito comunque a registrare dati positivi per il traffico merci, confermando anche le tendenze di crescita specie di quelli intermodali e ferroviari. Ed è proprio la parola crescita, unitamente ad innovazione, che rappresenta oggi la key word essenziale per Interporto Campano – società che gestisce l’Interporto di Nola. Oltre allo sviluppo delle attività operative core, in primis il trasporto ferroviario merci e l’intermodalità, puntiamo all’ampliamento dell’area interportuale e alla valorizzazione del sito esistente, attraverso l’attrazione di nuovi utenti (logistica, servizi e light industrial), ad investimenti per l’applicazione di tecnologie AI e automazione, anche in considerazione delle prospettive di sviluppo della Zona Economica Speciale (ZES)».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.