Quella del prossimo 28 giugno sarà una votazione a suo modo storica per il comparto dei trasporti: Il Consiglio europeo ratificherà infatti le decisioni in merito ai nuovi standard emissivi per il trasporto leggero e pesante, ma, soprattutto, riguardo alla dismissione definitiva dei motori a combustione interna entro il 2035.

Si tratta del pacchetto legislativo ‘Fit For 55’, che ha proprio nella data di fine della vita per i motori a combustione il pezzo forte: la norma punta a decarbonizzare i trasporti, ma l’impatto sulla reale situazione infrastrutturale dei Paesi membri è oggetto di una viva discussione.

Leggi anche:
Trasporti pesanti, a quando un’elettrificazione competitiva?

 

Associazioni del trasporto preoccupate

In tutta Europa si è levato il coro di protesta delle associazioni di rappresentanza del mondo dei trasporti contro la decisione di ‘forzare’ la transizione verso la mobilità elettrica.

La critica più comune è rivolta ai tempi di questo processo, troppo stretti per consentire lo sviluppo dell’infrastruttura necessaria.

Dunque, se da un lato per la crisi ambientale si è già fuori tempo massimo, per i governi e l’industria dell’infrastruttura non c’è mai abbastanza tempo.

Purtroppo è vero che sul variegato territorio europeo le situazioni dei differenti Paesi sono assai divergenti e che spesso la differenza tra città e zone rurali è oltremodo marcata, con il rischio di segnare un divario a doppia velocità tra le zone di uno stesso Stato.

 

Leggi anche:
Trasporti e subappalto: possibili tutele

 

Non affossare le alternative

Altra critica violenta viene rivolta alla prospettiva che dismettere i motori a combustione porti inevitabilmente a disincentivare lo sviluppo di combustibili green, come i biocarburanti.

Data l’impossibilità materiale a compiere uno shift totale delle flotte private e commerciali dall’oggi al domani, azzoppare le alternative ‘bio’ per la combustione potrebbe rivelarsi una mossa a sua volta miope.