La responsabilità verso l’ambiente e la società è sempre stata un driver fondamentale della strategia di crescita e sviluppo di Raben SITTAM che, anche nel 2022, ha intrapreso tutte le azioni possibili per combattere il cambiamento climatico e il suo conseguente impatto. Tra queste, la riduzione degli spostamenti su gomma, e il miglioramento del proprio servizio di trasporto intermodale, con risvolti positivi sia sul contenimento dei costi di trasporto, sia su quello delle emissioni inquinanti nell’ambiente.

Le direttive europee parlano chiaro: entro il 2030, il 30% della quota modale di trasporto merci su percorrenze superiori a 350 km dovrà essere trasferito su rotaie o sul mare. Direttive che non devono essere intese solo come un dovere da parte degli operatori logistici, ma soprattutto come un’opportunità economica, sociale ed ambientale.

Leggi anche:
Raben SITTAM, restyling eco della flotta

 

La combinazione di più mezzi di trasporto, principio alla base del trasporto intermodale, può facilmente trarre in inganno e apparire economicamente più onerosa. In realtà il trasporto intermodale presenta notevoli convenienze sotto il profilo dell’efficientamento, favorendo alla fine un sostanziale risparmio”,  ha dichiarato Rolando Bargigia, Managing Director di Raben SITTAM. 

Il trasporto intermodale è un sistema di trasporto merci estremamente flessibile che permette di caricare una quantità elevata di merci su mezzi ad alta capacità, concentrati in centri di logistica che provvedono allo smistamento, e di combinare diversi mezzi di trasporto beneficiando dei vantaggi offerti da ognuno di essi. Dal punto di vista economico questo si traduce in una riduzione dei costi unitari per il trasporto sulle lunghe percorrenze, dettata da una maggiore efficienza dei trasporti combinati. Anche dal punto di vista ambientale, se fossero realizzati gli obiettivi europei, si otterrebbe un efficientamento maggiore con una potenziale riduzione delle emissioni di CO2 rispetto al solo trasporto su gomma. Di fatto, proprio l’utilizzo di questa tipologia di trasporto combinata e la stretta collaborazione tra le Business Unit Raben Olanda e Raben SITTAM, hanno reso possibile un risparmio totale di 4519 t di CO2 durante l’intero 2022.

Leggi anche:
Logistica intermodale, unica via per la transizione green dei trasporti

In questo anno 2022, Raben SITTAM ha gestito oltre 1320 spedizioni di tipo intermodale pari a oltre 16.550kg ed oltre 25.000 posti pallet dedicati per destinazioni europee quali, tra le principali, Olanda, Benelux, Francia, Germania, a testimonianza dell’importanza di questa tipologia di servizio per la Business Unit italiana di Raben Group. Questi numeri altro non fanno che andare a migliorare il portafoglio di servizi offerti ai propri clienti e a sommarsi a quanto spedito via tradizionale trasporto groupage su gomma e via trasporto Mare & Aereo. 

Nell’ultimo anno, insieme a Raben Group e grazie ad una solida e duratura rete di partnership, abbiamo lavorato molto sul miglioramento del nostro servizio di trasporto intermodale.continua Rolando Bargigia di Raben SITTAMGrazie ai nostri sforzi nello sviluppo di una flotta proprietaria e l’espansione in nuovi mercati, attraverso acquisizioni e partnership strategiche, oggi possiamo offrire a tutti i nostri clienti un servizio ancora più efficiente che sfrutta i vantaggi di un network di proprietà estremamente sviluppato in Europa, garantendo connessioni rapide, transit time affidabili e mantenendo i benefici di un sistema unificato di gestione dei trasporti”.