La logistica muove il mondo: il sistema ortofrutticolo alla sfida della globalizzazione

 

fruitQual è la vera natura della sfida globale dell’ortofrutta sui mercati internazionali? Quale ruolo può giocare la logistica per dare vantaggio competitivo al Sistema Italia? Cercano le risposte in quattro workshop gli operatori della produzione e del commercio, dei trasporti e della logistica, insieme ai gestori delle infrastrutture logistiche ed ai responsabili dei controlli. Le principali indicazioni emerse dai 4 workshop verranno raccolte e commentate nella conferenza conclusiva plenaria dove verranno tracciate le linee di azione e di lavoro per l’edizione 2017.
A Fruit & Veg System l’appuntamento-chiave di analisi e di riflessione per tutta la supply chain dell’ortofrutta.

PROGRAMMA

1. Ore 10.00

Scenario euromediterraneo: la logistica marittima al servizio degli scambi commerciali, operatori a confronto
Il Mediterraneo ha rafforzato negli anni la sua capacità di attrazione di traffico marittimo ed i prodotti deperibili ne rappresentano il vero motore. Ma la concorrenza dei porti del Nord Europa resta vincente e molto ancora c’è da fare. In un quadro infrastrutturale in grande evoluzione, cresce l’offerta di interconnessioni di trasporto lungo i corridoi intermodali. Il vantaggio competitivo del trasporto marittimo si giocherà sulle catene logistiche efficienti, attraverso una forte focalizzazione sulla gestione della catena del freddo e con un ruolo decisivo dell’intermodalità. In che modo le imprese si stanno attrezzando ai nuovi scenari competitivi?
Ne parleranno terminalisti e spedizionieri, l’Istituto Agronomico Mediterraneo di Bari, compagnie marittime di navigazione e autorità portuali, tutte impegnate in questa grande sfida competitiva globale che non riguarda solo il mare ma anche, forse soprattutto, le interconnessioni via terra (intermodalità) e la catene logistiche globali.

2. Ore 12.00
Cargo aero, crescenti opportunità per l’export dei deperibili: una sfida per l’Italia
Le merci italiane esportate via aerea partono principalmente da aeroporti non italiani. Il perishable cargo è oggi strategico ed anche su questo sta investendo l’aeroporto di Brescia Montichiari, con ricadute che riguarderanno tutta la catena logistica nonché i bacini produttivi e commerciali di import/export del Nord Italia e del Veneto in particolare. L’Italia ha un ruolo baricentrico nell’area mediterranea ma nel cargo aereo il problema del bilanciamento dei carichi in andata ed in ritorno incide pesantemente sull’offerta del servizio e sul vantaggio competitivo. La sfida è aperta.
Ne parleranno Società di gestione aeroportuale con produttori ed operatori dell’import/export agroalimentare, insieme alle diverse realtà del polo logistico veronese.

3. Ore 14.30
Catena del freddo, catena del valore: le tecnologie al servizio del mercato e ruolo dell’AUTOTRASPORTO REFRIGERATO
La corretta gestione della catena del freddo è un imperativo del sistema agroalimentare ma la crescente complessità della catena logistica, con trasporti intercontinentali e passaggi di modalità, soste e transiti in piattaforme logistiche, ha messo a dura prova l’efficacia dell’intero sistema e richiesto crescenti sforzi in tecnologia ed in ICT. A questo si aggiunge la progressiva riduzione dei LEAD TIME (tempo fra ordine e consegna) imposti dai clienti ai propri fornitori con evidenti implicazioni sul trasporto e sulla sicurezza alimentare. Si impone un salto di qualità in efficienza ed in efficacia, ne va della capacità competitiva dell’intero nostro Sistema Paese. L’autotrasporto refrigerato è la cinghia di trasmissione e l’anello centrale di questa competizione commerciale. Cosa ne pensano gli autotrasportatori e gli operatori di tutta la supply chain?
Ne parleranno imprese di refrigerazione (produzione e servizi tecnici) anche dell’importante distretto veronese, allestitori di camion, autotrasportatori insieme a produttori ed operatori dell’import/export agroalimentare.

4. Ore 16.00
Semplificazione normativa e controlli doganali: creare “corridoi veloci” per merci e documenti. Anche questo è valore aggiunto!
La “burocrazia amministrativa” dei documenti di trasporto e doganali rappresenta da sempre uno dei fattori decisivi per la competitività di un sistema Paese e in questa classifica mondiale l’Italia non è ai primi posti! Ma la grande rivoluzione in atto nei controlli doganali sulle merci, in termini di semplificazione normativa e di informatizzazione crescente delle procedure, sta cominciando a dare i suoi frutti. L’applicazione dello sportello unico doganale, pre-clearing, fast corridor, interscambio documentale avvicinano l’Italia al resto d’Europa. Ma tutto funziona al meglio? Cosa si può e si deve migliorare? E quanto incide l’efficienza burocratica sull’efficienza della catena logistica?
Ne parleranno le autorità portuali insieme con l’agenzia delle dogane, gli spedizionieri, le aziende commerciali di import/export ortofrutticolo.

Ore 17.00

Conferenza conclusiva plenaria e linee di azione per il 2017

Per saperne di più clicca qui

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here