Rendere circolari le forniture e l’uso dei beni strumentali, vale a dire di quelle infrastrutture durevoli che son alla base del funzionamento operativo di molte aziende. La CEC – per esteso: Capital Equipment Coalition  è una coalizione industriale guidata da due organizzazioni no profit, Circle Economy e Platform for Accelerating the Circular Economy.

Essa si rivolge, per l’appunto, alle società di punta di svariati settori coinvolte nella manutenzione, nella produzione e nel funzionamento di quei beni durevoli prima citati e noti come “beni strumentali”.

Leggi anche:
Eco Skies Alliance United Airlines: sostenibilità nel mirino

Un esempio nella logistica: FedEx Express Europe

FedEx Express Europe si è appena unita ai nove membri della coalizione che promuovono l’impegno a incrementare la circolarità delle proprie forniture e dell’uso di beni strumentali.

Fornitrice di servizi di trasporto su scala globale, FedEx Express Europe smista oltre due milioni di colli al giorno nei tre hub aeroportuali e 34 hub stradali europei, tutti fondati sull’uso di attrezzature tecniche di valore elevato. 

La promessa riguarda sia gli strumenti di grandi dimensioni, come dispositivi di smistamento, nastri trasportatori, apparecchiature a raggi X e per il controllo del peso e pianali a rotelle impiegati nelle strutture operative, sia gli strumenti a mano più piccoli che i corrieri portano con sé negli spostamenti.

Leggi anche:
Mezzi pesanti: nuovi servizi all’insegna della sostenibilità

 

Un passo verso le emissioni zero

David Canavan, COO di FedEx Express Europe, ha dichiarato: «FedEx si sta impegnando ad azzerare le proprie emissioni di CO2 entro il 2040 e l’introduzione di pratiche circolari nei processi di fornitura e approvvigionamento aiuterà a ridurre l’impatto delle nostre operazioni. L’adesione alla Capital Equipment Coalition ci consente di metterci alla prova in esperienze formative di valore condiviso con altre aziende e ci aiuta a lavorare con i fornitori mettendo al primo posto la sostenibilità nell’approvvigionamento di forniture, sia in termini di dimensioni che su larga scala».

L’impegno di FedEx Express Europe mira a ridurre l’uso di materie prime e, contemporaneamente, estendere il ciclo di vita dei beni strumentali reperiti. Le attuali valutazioni di sostenibilità saranno integrate includendo maggiori specifiche sull’uso di materiali durevoli e, ove possibile, favorendo un design modulare che possa agevolare eventuali estensioni, aggiornamenti e riparazioni.

Tamara Veldboer, Lead Facilitator della CEC in Europa, ha commentato: «Siamo entusiasti di accogliere FedEx Express Europe tra i membri della Capital Equipment Coalition. FedEx Express Europe offre il punto di vista di un’organizzazione che si occupa di reperire e approvvigionare beni strumentali, con l’ambizione di coinvolgere i propri fornitori in modi molto pratici e scalabili».

Credit: @FedEx
Leggi anche:
Sostenibilità, la svolta green della Supply Chain: il nuovo Dossier di Logistica

 

Migliorare i cicli di vita: end-of-use responsabile

Entrando a far parte della coalizione, FedEx Express Europe intende adottare un approccio teso al “miglioramento continuo, collaborando con i fornitori di attrezzature di grandi e piccole dimensioni per fissare specifiche ambiziose in termini di sostenibilità con cui ridurre al minimo la propria impronta materiale ed estendere il ciclo di vita delle attrezzature di cui la società si rifornisce. 

Oltre a incoraggiare l’impiego di materiali riciclati e riciclabili per i beni strumentali, FedEx Express Europe intende formalizzare insieme ai fornitori dei piani sull’end-of-use fondati sullo smaltimento responsabile, sulla conversione o sul riciclo degli strumenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.