Search
Close this search box.

Guerra e ripresa economica frenano il trasporto merci ferroviario Cina-UE

Condividi
Il settore del trasporto merci ferroviario tra i paesi UE e la Cina incontra, a causa della situazione geopolitica, crescenti difficoltà pur mantenendo un significativo potenziale di crescita

Il mercato del trasporto merci ferroviario Cina-UE ha vissuto un periodo di forte crescita negli ultimi anni, grazie sia alla crescente interconnessione tra le due economie sia alla ricerca di alternative al trasporto marittimo.

Tuttavia, la guerra in Ucraina e la ripresa economica globale stanno avendo un impatto negativo su questo settore, che ora si trova a fronteggiare una serie di problemi inediti.

Leggi anche:
Merci Cina-Italia, crescono i ‘treni blocco’
COVID-19, incremento storico dei treni merci dalla Cina verso l’Europa

Volumi a livelli pre-pandemia

A sospingere la soluzione ferroviaria tra Asia ed Europa erano state proprio le difficoltà di approvvigionamento via mare e via aereo dovute alla pandemia.

Adesso però, secondo i dati di Upply, piattaforma digitale per il trasporto merci professionale, i volumi di trasporto merci ferroviario Cina-UE nel principale corridoio eurasiatico sono diminuiti del 48% nel primo semestre del 2023, tornando ai livelli pre-pandemia.

Le motivazioni sono diverse: l’incertezza geopolitica ha frenato la domanda di trasporto da e verso l’UE, mentre il crollo dei noli marittimi ha reso il trasporto ferroviario meno competitivo.

La guerra ha anche avuto un impatto significativo sul trasporto merci ferroviario Cina-Russia provocando un aumento del volume tra i due paesi del 180% nella prima metà del 2023 approfittando delle sanzioni occidentali.

Oltre all’impatto della guerra, il mercato del trasporto merci ferroviario Cina-UE sta affrontando anche altri fattori di criticità: tra questi, la crescente concorrenza da parte del trasporto aereo e marittimo, la mancanza di infrastrutture adeguate e la complessità delle procedure doganali.

 

Leggi anche:
Rivoluzione Verde nei trasporti merci: i treni ad idrogeno azzerano le emissioni ferroviarie

 

Trasporto merci ferroviario Cina-UE: un ruolo strategico

Il trasporto merci ferroviario Cina-UE è un settore strategico per le due economie, in quanto consente di collegarle in modo rapido ed efficiente: il tempo di consegna tra Cina e UE è di circa 15-20 giorni via ferrovia, rispetto ai 40-45 giorni via mare. Il costo del trasporto ferroviario è inoltre inferiore a quello del trasporto marittimo, soprattutto per carichi di grandi dimensioni.

Il trasporto merci ferroviario Cina-UE è dunque importante per una serie di motivi: innanzitutto, consente di soddisfare la crescente domanda di beni e servizi tra le due realtà. A questo proposito è da tenere presente il positivo il trend di alcune merceologie quali i prodotti cosmetici, tradizionalmente trasportati su ferro, che hanno fatto la parte del leone, triplicando la loro crescita nei primi sei mesi del corrente anno.

In secondo luogo, il trasporto merci su ferrovia aiuta a ridurre l’inquinamento ambientale, in quanto il trasporto ferroviario produce meno emissioni di gas serra rispetto al trasporto marittimo. In terzo luogo, contribuisce a rafforzare la cooperazione economica tra Cina e UE.

 

Leggi anche:
Trasformare i treni merci in batterie di backup per la rete elettrica

La guerra in Ucraina e la ripresa economica globale

La guerra in Ucraina ha avuto un impatto negativo sul mercato del trasporto merci ferroviario Cina-UE, in quanto ha portato a una riduzione della domanda di trasporto da e verso l’UE. L’incertezza geopolitica ha infatti frenato la fiducia degli investitori e delle imprese, che hanno preferito optare per soluzioni di trasporto più sicure.

Inoltre, la guerra ha avuto ripercussioni negative sui prezzi del trasporto ferroviario che sono aumentati e sui tempi di consegna.

Anche la ripresa economica globale ha avuto un impatto negativo sul mercato del trasporto merci ferroviario Cina-UE, provocando un aumento della domanda di trasporto aereo e marittimo anche grazie alla diminuzione dei loro prezzi.

La guerra in Ucraina ha anche creato nuove opportunità per il trasporto merci ferroviario Cina-Russia. L’interruzione delle rotte marittime ha infatti portato a un aumento della domanda di trasporto tra i due paesi.

Ciò ha comportato un sensibile incremento dei volumi di trasporto ferroviario tra Cina e Russia al punto che il China Railway Express (CRE), il servizio ferroviario cinese tra Cina ed Europa, ha comunque registrato una crescita del 30%, raggiungendo i 936mila TEU.

 

 

Le prospettive future

Oltre all’impatto della guerra, il mercato del trasporto merci ferroviario Cina-UE sta affrontando anche altri fattori di sfida. Tra questi, la crescente concorrenza da parte del trasporto aereo e marittimo, la mancanza di infrastrutture adeguate e la complessità delle procedure doganali.

La concorrenza da parte del trasporto aereo e marittimo è un fattore importante da considerare. Il trasporto aereo è più veloce del trasporto ferroviario, mentre il trasporto marittimo è più economico.

Il trasporto ferroviario deve quindi competere con queste due modalità di trasporto per conquistare quote di mercato.

La mancanza di infrastrutture adeguate è, in questo contesto, un altro fattore discriminante. Le infrastrutture ferroviarie in Cina e UE sono ancora in fase di sviluppo, e questo può rallentare i tempi di consegna e aumentare i costi.

La complessità delle procedure doganali è un ulteriore ostacolo allo sviluppo del mercato. Le procedure doganali tra Cina e UE sono ancora relativamente complesse, e questo può rallentare il processo di importazione ed esportazione.

Nonostante queste criticità, il mercato del trasporto merci ferroviario Cina-UE ha un potenziale di sviluppo significativo. La crescente interconnessione tra le due economie e la ricerca di alternative al trasporto marittimo sono elementi che dovrebbero sostenere la crescita del settore a medio e lungo termine.

Ti potrebbero interessare