Tracciare tutta la filiera di un prodotto, dalla sua nascita, al copyright, alla vendita ed ai successivi passaggi di proprietà, senza dimenticarne le caratteristiche tecniche. È quanto reso possibile dall’applicazione della tecnologia blockchain ad un prodotto, assai diverso da una criptovaluta, come una bicicletta.

L’idea è venuta a Colnago, storico Marchio del ciclo italiano, rappresentate di un Made in Italy di altissima qualità: in occasione del Campionato del Mondo di Ciclismo su Strada UCI 2021 in Belgio, integrerà la tecnologia blockchain nelle sue nuove biciclette. 

Primo costruttore a collegare i suoi prodotti fisici ad un registro virtuale e distribuito, Colnago è all’avanguardia per garantire l’autenticità e la prova della proprietà dei suoi nuovi telai. La tecnologia blockchain sarà sfruttata commercialmente nei suoi prodotti a partire dal 2022.

Leggi anche:
Blockchain per l’import-export: migliorare l’efficienza del commercio

 

Una Blockchain che traccia tutta la filiera

Di fatto, le nuove biciclette Colnago saranno in tutto e per tutto tracciate sin dalla loro nascita. Il concetto è interessante non solo per i risvolti di garanzia al cliente, ma anche in termini di controllo della filiera produttiva, con un notevole impatto su contraffazioni e furti.

Le applicazioni della blockchain sono per altro molto attrattive per la Supply Chain e Colnago rappresenta il primo step di un collegamento di beni fisici a registri virtuali.

 

Leggi anche:
Gellify integra Surge, la startup che sfrutta la blockchain per la Supply Chain digitale

 

A cosa serve collegare una bici alla Blockchain

Il progetto è stato messo a punto da Colnago con un partner tecnologico, anch’esso italiano, MyLime. Quest’ultimo ha sviluppato e creato un tag RFID che è indissolubilmente legato al telaio e consente l’accesso alle informazioni nel passaporto digitale della bicicletta tramite un’app per smartphone collegata alla blockchain. 

Quando il telaio viene venduto ad un nuovo proprietario, il passaggio di proprietà può essere gestito con il processo brevettato da MyLime. La trasparenza offerta dalla soluzione blockchain di MyLime permetterà una tracciabilità assoluta e garantirà il valore della bicicletta nel tempo. 

Colnago e MyLime, inoltre, hanno valutato le varie tecnologie di blockchain che rispettano i paradigmi di sostenibilità e scelto una fra quelle disponibili e affidabili che limita al meglio l’uso di risorse di calcolo intensive per la validazione dei blocchi.

Leggi anche:
Blockchain, il segreto per una supply chain che dialoghi con la domanda

 

Ulteriori funzioni dal 2022

Manolo Bertocchi, Direttore Marketing di Colnago, ha aggiunto: 

«Abbiamo esaminato la sicurezza fornita dalla tecnologia blockchain per dare ai nostri clienti la sicurezza di sapere che il telaio che stanno acquistando è autentico e per avere una prova di proprietà perpetua. Annunceremo anche altre funzioni basate su tecnologia blockchain con il nuovo anno».

Colnago aggiungerà le transazioni blockchain alle bici dell’UAE Team Emirates e di produzione nel 2022 e le informazioni su produzione, vendita e proprietà saranno archiviate sulla piattaforma basata sulla blockchain di MyLime dove chiunque potrà accedervi. Inoltre, Colnago metterà a disposizione del proprietario di ogni bicicletta dotata di tag acquistata una versione Non-Fungible-Token (NFT) della bici.

 

MyLime, il partner tecnologico

Il partner di Colnago per questo progetto innovativo è la società tecnologica italiana MyLime, sviluppatasi originariamente nel mercato del lusso. 

MyLime collegherà i telai Colnago alla Automotive Blockchain® dove verranno registrati i dati di produzione, trasporto e vendita del telaio. Poiché i dati archiviati sulla blockchain sono distribuiti, non possono essere falsificati o modificati una volta registrati, fornendo la prova definitiva della proprietà.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.