Scania ha sviluppato una soluzione di mobilità elettrica che include la fornitura di cinque autocarri elettrici a batteria e l’infrastruttura di ricarica con una potenza complessiva di 1,6 MW per l’azienda svedese Falkenklev Logistik, nell’ambito del piano visionario del trasportatore per la realizzazione di una stazione di ricarica per 22 veicoli nel nuovo deposito aziendale a Malmö.

Il sito, che potrebbe essere potenzialmente ampliato per caricare contemporaneamente fino a 40 veicoli, diventerà la più grande stazione di ricarica per veicoli industriali della Svezia e sarà operativo entro la fine dell’anno. Questo è il risultato di un progetto incredibile che ha coinvolto diverse aziende degli ecosistemi dei trasporti e delle energie rinnovabili.

Questo progetto per Falkenklev Logistik è la chiave per raggiungere l’obiettivo di completare il passaggio all’elettrificazione dell’intera flotta. I cinque veicoli 4×2 Scania BEV, con allestimento SKAB, saranno utilizzati dal trasportatore nelle operazioni di distribuzione delle merci in tutta la Skåne, la regione più a sud della Svezia.

Leggi anche:
Autotrasporto green, nuova gamma ibrida Scania

 

Il progetto: una sinergia tutta nordica

La stazione di ricarica di Malmö sarà fornita dal produttore finlandese Kempower e consegnata da Scania. Il sistema è basato su una tecnologia intelligente in grado di fornire energia in base al numero di veicoli in carica, con una potenza massima iniziale per veicolo di 250 kW e la possibilità di aggiornarla a 320 kW per veicolo, in futuro. Inoltre, si è tenuta in considerazione la possibilità di rendere il sito a prova di futuro per consentire la ricarica delle prossime generazioni di veicoli elettrici con capacità batteria maggiore e di conseguenza un’autonomia più estesa.

Falkenklev ha anche incaricato la società di energia solare Soltech Energy Solutions di costruire un parco solare di 1,5 ettari, con un sistema di accumulo di energia da 2 MW per creare un hub energetico all’avanguardia.

Leggi anche:
Scania – Westport Fuel Systems, idrogeno a iniezione diretta per camion e bus

 

Un progetto aperto alla comunità

Il dettaglio più sorprendente dell’iniziativa è che Falkenklev ha accettato di rendere pubbliche le stazioni di ricarica per veicoli di aziende terze, oltre a quelli della propria flotta. Il sito sarà quindi in grado di supportare la ricarica di veicoli elettrici a lungo raggio.

Victor Falkenklev, CEO di Falkenklev Logistik, afferma: «Già da un paio d’anni avevamo intenzione di sviluppare delle stazioni di ricarica e un parco solare. Infatti, con la necessità di diventare più sostenibili e l’aumento dei prezzi del diesel, era necessario pensare ad una soluzione per effettuare il passaggio all’elettrificazione. L’elettricità verrà generata dall’energia solare, prodotta al 100% da fonti rinnovabili. È un momento davvero importante per noi e ne siamo orgogliosi».

Leggi anche:
BioLNG, è la tecnologia giusta per decarbonizzare i trasporti?

 

In campo anche il fondo per il clima svedese

Questa soluzione innovativa, sostenibile ed economica vedrà un investimento complessivo di 18 milioni di corone svedesi e sarà finanziata per metà dal fondo per il clima dell’agenzia svedese per la protezione ambientale Naturvårdsverket, la metà restante da Falkenklev.

«Fornire la nostra soluzione di mobilità elettrica per questo ambizioso progetto è un’ulteriore prova del rapido sviluppo dell’elettrificazione nel settore dei trasporti pesanti», afferma Fredrik Allard, responsabile della mobilità elettrica, Scania. «Questa iniziativa è un perfetto esempio di come vengono creati nuovi ecosistemi e modelli di utenza per trovare le soluzioni elettriche di cui abbiamo urgente bisogno per decarbonizzare il sistema di trasporto e per renderlo sostenibile a lungo termine».

Tomi Ristimäki, CEO di Kempower, aggiunge: «Vediamo i veicoli pesanti e la logistica come una parte molto importante dell’elettrificazione del sistema dei trasporti. Siamo estremamente felici di poter fornire la tecnologia di ricarica in corrente continua al più grande sito pubblico svedese e non vediamo l’ora di sviluppare ulteriori soluzioni di ricarica rapida per i veicoli elettrici a batteria».