Se tutta la logistica inizia a chiedersi come distribuire il vaccino contro il Covid-19, la Supply Chain assiste intanto a quella che – pandemia a parte – sarebbe l’operazione più importante dell’anno: il lancio e la conseguente distribuzione dei nuovi Apple iPhone12, iPhone 12 Pro ed iPad Air.

L’arrivo di un nuovo prodotto a marchio Apple sul mercato scatena sempre una reazione nei consumatori, con numeri da capogiro: quest’anno c’è però di mezzo anche la pandemia a cambiare le carte in tavola.

photo credit: EddieWongF14 5X MD11F N290UP @ 5X067 via photopin (license)
Leggi anche:
Amazon Air, la flotta aerea vuole competere con FedEx ed UPS

Apple, UPS e FedEx: la catena di distribuzione

In pratica, la differenza la fa sempre la domanda: nel 2020 e nel 2021 le lunghe code in attesa dell’apertura degli Apple Store saranno naturalmente proibite per ragioni di salute pubblica, dunque a farla da padrone sarà il delivery at home.

Apple ha iniziato in largo anticipo a far affluire i nuovi iPhone ed iPad Air nei suoi Store, che fungono da centri di smistamento e stoccaggio.

La Casa di Cupertino si sta appoggiando a due colossi mondiali della distribuzione come UPS e FedEx per far arrivare i suoi prodotti nelle case degli acquirenti, scegliendo di volta in volta il miglior mezzo per la consegna finale.

Screenshot via Apple.com

Preposizionamento della merce in 20 Paesi

UPS, in particolare, vede coinvolte molte delle sue divisioni nel lancio dei nuovi Apple iPhone 12 ed iPad Air, a partire dalla sincronizzazione della partenza della merce dal sito produttivo in Cina con il resto della catena, che vede agire in prima persona l’UPS Customer Solutions Group.

In seconda battuta subentra, per gli Stati Uniti, la divisione aerea di UPS, che porta con i suoi cargo i prodotti Apple in alcuni hub in territorio americano, per poi mandarli agli Apple Store.

Leggi anche:
UPS, il più grande investimento fuori dagli USA per il super hub europeo
UPS, Good Distribution Practice estesa a Lombardia e Liguria

UPS: smistamento ad hoc per Apple iPhone 12

Il fornitore di logistica integrata ha condotto una speciale operazione di smistamento dedicata esclusivamente al ritiro di telefoni e tablet divisi in gruppi per destinazione. Il 22 ottobre, il giorno prima del lancio negli U.S., i gestori di pacchi dell’hub di Worldport hanno scaricato centinaia di migliaia di spedizioni su nastri trasportatori per lo smistamento in tutta la struttura da 500mila metri quadrati. 

Nello smistamento erano inclusi sia singoli dispositivi destinati a clienti privati che grandi spedizioni di telefoni agli Apple Store e ad altri rivenditori. Il sistema high-tech dispone di scanner che leggono l’etichetta intelligente su ogni pacco e lo instradano attraverso 250 km di nastri trasportatori fino a uno scivolo in uscita, dove vengono collocati in contenitori per il caricamento sui voli UPS in uscita verso le varie destinazioni negli Stati Uniti.

Contemporaneamente Apple ha affermato che il suo centro di distribuzione a Carlisle, in Pennsylvania, ha preparato gli iPhone e gli iPad per la spedizione ai negozi e ai clienti della costa orientale e del Canada, mentre FedEx si sta occupando i prodotti delle consegne a domicilio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.