Tra i tanti emendamenti annunciati a contrino della Legge di bilancio uno ha attirato le critiche decise di Conftrasporto: si tratta di quello promosso dal Ministro Cingolani.

Il contenuto dell’emendamento riguarda la riduzione delle agevolazioni sui carburanti fossili, cui Conftrasporto ha risposto con una lettera inviata ai responsabili nazionali dei partiti politici.

La motivazione è non togliere supporto a quelle aziende del trasporto che hanno investito in mezzi alimentati a GNL (Gas Naturale Liquefatto).

Leggi anche:
BioLNG, è la tecnologia giusta per decarbonizzare i trasporti?

 

Il prezzo dell’energia

«E’ ampiamente nota la corsa verso l’alto dei prezzi dell’energia il cui costo è giunto ai massimi storici, corsa che rischia di minare a medio termine e se non interrotta, la ripresa economica in atto incidendo soprattutto sui consumi», spiega il presidente di Conftrasporto-Confcommercio Paolo Uggè.

Per la Confederazione appare evidente come gli effetti negativi di questa dinamica si ripercuotano maggiormente dove l’energia è un fattore di produzione rilevante. È il caso dei trasporti, settore maggiormente colpito, con l’autotrasporto in testa, dove circa un terzo dei costi funzionali all’operatività degli autoveicoli è legato al carburante per autotrazione.

 

Leggi anche:
Primo trattore portuale a idrogeno sotto test a Rotterdam

 

Sostenere chi ha scelto il GNL

Di qui la richiesta di Conftrasporto, che segnala l’urgenza di sostenere, attraverso un apposito provvedimento nella legge di Bilancio, le imprese di autotrasporto che hanno investito nell’acquisto di veicoli a GNL (Gas metano Liquefatto) che, con i prezzi del metano attuali, risultano essere di fatto ‘fuori mercato’.

«Il fermo di questi mezzi perché il loro utilizzo risulta nei fatti antieconomico, oltre a recare un danno diretto alle imprese che non hanno possibilità di ammortizzarne l’acquisto, appare paradossale, considerato che gli stessi mezzi a GNL garantiscono elevate performance in termini ambientali», si legge nella lettera.

 

Leggi anche:
Autotrasporto, cresce la quota di gas rinnovabile, giù le emissioni

 

La proposta di Conftrasporto

Conftrasporto-Confcommercio propone quindi che dal 1° gennaio 2022 si riconosca, alle imprese attive sul territorio italiano che operano nella logistica e nel trasporto delle merci in conto terzi con mezzi di trasporto ad elevala sostenibilità ad alimentazione alternativa a metano liquefatto, un credito d’imposta del 30% del costo di acquisto al netto dell’imposta sul valore aggiunto di GNL utilizzato per la trazione dei mezzi pesanti. Il duplice scopo è promuovere la sostenibilità d’esercizio e incentivare il processo di efficientamento energetico nel settore del trasporto merci.

«La misura comporterebbe oneri a carico dello Stato valutabili in 25 milioni di euro per ciascuno degli anni 2022, 2023, 2024, periodo che si risente congruo per consentire di superare e nel contempo assorbire gli effetti dell’attuale contingenza economica negativa», conclude Conftrasporto.