Il mondo del packaging in carta e cartone sta vivendo un progressivo aumento del costo della materia prima, problema che interessa anche altri settori, come ben noto, a causa di quel ‘commodity supercycle’ che è figlio degli scompensi degli ultimi due anni.

Come forma di compensazione e di agevolazione per le imprese che operano nel settore cartario e degli imballaggi, è stata decisa una riduzione del Contributo Ambientale Conai a partire dal primo gennaio 2022, senza che questo intacchi il riciclo della stessa.

Leggi anche:
L’Amazon Climate Pledge Fund investe nel packaging italiano

 

Contributo Ambientale Conai, -81% per le aziende

Il Consiglio di amministrazione CONAI, Consorzio Nazionale Imballaggi, sentito il parere di Comieco, Consorzio Nazionale per il Recupero e il Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica, ha dunque deliberato la riduzione del Contributo Ambientale CONAI per la carta – da 25 €/tonnellata a 10 €/tonnellata – a partire dal 1 gennaio 2022.

Si tratta senz’altro di una buona notizia per gli utilizzatori di packaging in carta e cartone, che fa seguito al ribasso dello stesso contributo del luglio scorso, passato da 55€ ai 25€ oggetto dell’attuale riduzione.

La nuova decurtazione si inserisce all’interno di un percorso di sostegno, rivolto alle aziende e al sistema imprenditoriale del mondo cartario, avviato da diverso tempo e non incide sulle operazioni di raccolta riciclo della carta e del cartone che Comieco continuerà a garantire su tutto il territorio nazionale con le consuete modalità. 

Leggi anche:
Packaging, l’alluminio al top di riciclo e smaltimento

 

I benefici economici 

Secondo Carlo Montalbetti, Direttore Generale di Comieco, “Ridurre il contributo ambientale di oltre l’80% nell’arco di poco tempo, significa supportare concretamente le aziende utilizzatrici di packaging, ancora profondamente colpite dalla pandemia, aiutandole a ripartire. I risparmi già calcolati da inizio anno ammontano a 135 milioni di euro, ai quali aggiungere quelli stimati pari a 67,5 milioni di euro, a fronte di questa ulteriore riduzione”.

Benefici economici sostanziosi che possono rappresentare un driver importante per orientare le aziende ad utilizzare sempre più il packaging in cartone per i loro prodotti e allo stesso tempo contribuire a consolidare i buoni risultati di raccolta differenziata e riciclo sin qui raggiunti. 

 

Leggi anche:
Packaging, serve una normativa per l’economia circolare

 

Italia, riciclo ed economia circolare

L’Italia è tra i Paesi che riciclano di più in Europa: nel 2020 sono state raccolte circa 3,5 milioni di tonnellate di carta e cartone eil tasso di riciclo degli imballaggi cellulosici ha raggiunto l’87,3%, superando con ben 10 anni di anticipo i target UE al 2030. Una filiera efficiente che fa della circolarità il fiore all’occhiello: il 60% della produzione cartaria avviene infatti a partire da fibre di recupero. 

La diminuzione del cac non è l’unica novità in vigore dall’1 gennaio 2022. A questa si accompagnerà anche l’introduzione della diversificazione contributiva degli imballaggi in materiale composito, diversi da quelli per liquidi, allo scopo di rendere il ciclo del riciclo di carta e cartone ancora più efficiente, stimolando gli utilizzatori di packaging a scegliere per i loro prodotti imballaggi sostenibili e riciclabili all’insegna della transizione verso un’economia sempre più circolare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.