La stretta dell’emergenza sanitaria portata dal Covid-19 pare molto cautamente allentarsi, almeno sul servizio ospedaliero nazionale, ridotto allo stremo nel Nord Italia. Allo stremo si sta riducendo anche un altro comparto vitale per la tenuta del Paese: la logistica.

Conftrasporto-Confcommercio, soprattutto nella prospettiva di quella “fase 2” che dovrebbe prima o poi sopraggiungere, chiede interventi concreti al Governo, analizzando la situazione del trasporto marittimo e su gomma.

In una lettera inviata a Roma oggi, si riportano le tinte fosche in cui versa il settore (un quadro che abbiamo riassunto in questo articolo), ma soprattutto si delineano degli interventi che sarebbero, a detta del vice Presidente di Conftrasporto-Confcommercio, Paolo Uggé, necessari.

Di seguito, un estratto della missiva al Governo Conte.

LEGGI ANCHE Logistica e ripresa, per il dopo virus poche ma chiare idee

LEGGI ANCHE Liquidità in crisi, i campanelli d’allarme per la logistica

Le proposte al Governo

  • Liquidità alle imprese e fondi di garanzia per poter continuare a operare
  • Rafforzare le garanzie sui prestiti bancari con il Fondo Centrale di Garanzia e la Cassa Depositi e Prestiti. 
  • Individuare strumenti innovativi per superare la  crisi di liquidità che rischia di mettere fuori mercato il settore, a cominciare dai collegamenti marittimi RO- RO con le isole. 
  • Prevedere la garanzia del 100% dell’importo e, nel caso di investimenti in navi da crociera, la garanzia dello Stato andrebbe potenziata innalzando il limite di 2,6 miliardi di euro attualmente previsto. 
  • Moratoria fiscale e contributiva: estendere le sospensioni dei versamenti fiscali e contributivi fino al termine dell’emergenza nazionale, comprendendo – per trasporto e logistica energetica – il pagamento di accise e Iva da parte delle imprese, senza alcun limite di fatturato e sfruttare le nuove opportunità del regime temporaneo degli aiuti di Stato promosso dalla Commissione Europea. 

LEGGI ANCHE Decreto «Chiudi Italia»: trasporti ok, l’elenco delle attività in Gazzetta Ufficiale

Le richieste nel dettaglio: settore marittimo portuale

Sostegno analogo a quello del settore aereo per compensare le perdite del più importante mercato europeo nel trasporto di medio e corto raggio. 

Estendere la prevista, apprezzata sospensione del pagamento della tassa di ancoraggio fino alla fine dell’anno, così come la tassa di ancoraggio supplementare nei porti di Genova, Napoli e Venezia. 

Per i concessionari e le imprese dei terminal portuali, chiediamo di estendere la sospensione dei canoni di concessione alla fine del 2020, e che non sia un semplice ritardato incasso del canone, ma che preveda coperture alternative a compensazione dei  mancati incassi delle Autorità di Sistema Portuale. 

Azzeramento costi portuali delle navi in disarmo per alleviare i costi delle imprese costrette allo ‘smantellamento’ delle imbarcazioni. 

Risorse straordinarie per i mancati introiti delle Autorità di Sistema Portuale

È necessario prevedere uno stanziamento straordinario, per il 2020, di 100 milioni di euro, grazie al quale le stesse Autorità potranno ridurre o sospendere i costi dei servizi portuali alle imprese. 

LEGGI ANCHE Il cuore della logistica contro il Covid-19: le donazioni agli ospedali non si fermano

Sgravi contributivi marittimi per i collegamenti di cabotaggio con le isole 

La crisi sta particolarmente colpendo i collegamenti di cabotaggio con le isole, con pesanti ricadute occupazionali e perdite di fatturato fino al 90%. Bisogna prevedere la decontribuzione del costo del personale marittimo, in forma di credito d’imposta. 

Occorre poi, ottimizzare gli interventi al sostegno al reddito per tutti i lavoratori, inclusi i marittimi che hanno visto ridotta o sospesa l’attività, garantendo certezza di capienza di risorse per il Fondo di solidarietà Solimare. 

Indennità lavoratori stagionali 

Trasporto passeggeri: è necessario estendere a questo settore l’indennità prevista per i lavoratori stagionali del turismo che hanno involontariamente cessato il rapporto di lavoro.  

Accise carburante

Sospendere il pagamento delle accise sui combustibili utilizzati dalle navi nel collegamento con le isole per ridurre i costi di gestione della attività.

Semplificazione pratiche nave 

Prevedere una semplificazione delle modalità di presentazione delle ‘pratiche nave’, con la sospensione dei bolli e l’inoltro delle pratiche in via telematica per limitare le occasioni di contagio. 

LEGGI ANCHE Emergenza sanitaria e logistica, chi non si ferma: il caso One Express

Autotrasporto e Logistica

Attivarsi con l’Ue perché la prorogata validità delle revisioni sia efficace anche nei trasporti internazionali, e prevedere deroghe ai tempi di guida e di riposo, nel rispetto della sicurezza. 

Sospendere il calendario dei divieti di circolazione ai veicoli pesanti fuori dai centri abitati fino a fine emergenza. 

Consentire le revisioni dei veicoli pesanti anche nelle officine private.

Prorogare al 31 ottobre 2020 i termini per il super ammortamento dei veicoli per completare l’acquisto di mezzi con relativi i benefici fiscali. 

  • Proroga adempimenti depositi carburante minori 

Prevedere una proroga fino a fine anno dell’entrata in vigore delle disposizioni sui depositi di carburante a uso privato, che hanno esteso anche agli impianti di ridotto stoccaggio obblighi e adempimenti, generando un carico economico e burocratico per le imprese, certamente inopportuno in questa fase emergenziale. 

  • Rimborso integrale accise sul gasolio 

Per garantire un sostegno concreto e inclusivo al settore dell’autotrasporto, in assenza di un provvedimento più generale di sospensione del pagamento delle accise sarebbe opportuno prevedere per il secondo e terzo trimestre dell’anno il rimborso integrale delle accise versate sul gasolio consumato. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.